Un satellite sovietico e un razzo cinese hanno rischiato la collisione nello spazio. Se si fossero scontrati, ci sarebbe stata un’esplosione equivalente alla detonazione di 14 tonnellate di TNT pari a 58,5 gigajoule di energia

Un satellite sovietico e un razzo cinese hanno rischiato la collisione nello spazio: fortunatamente si è evitato un incidente catastrofico giovedì notte. LeoLabs, una società che utilizza radar per tracciare satelliti e detriti nello spazio, ha dichiarato martedì che stava monitorando una congiunzione “ad altissimo rischio“, un’intersezione nelle orbite dei due oggetti attorno alla Terra. I dati suggeriscono che i due grandi “pezzi di spazzatura spaziale” si sono mancati in un range compreso tra 8 e 43 metri alle 20:56 ET di giovedì. Mercoledì, quando la distanza era di soli 12 metri, LeoLabs ha calcolato una probabilità del 10% che gli oggetti si scontrassero. Può sembrare un valore basso, ma la NASA sposta regolarmente la Stazione Spaziale Internazionale quando ha solo una probabilità dello 0,001% (1 su 100.000) o più di entrare in collisione con un oggetto.

Poiché il satellite sovietico e il corpo del razzo cinese sono entrambi non funzionanti, nessuno potrebbe spostarli. Se si fossero scontrati, ci sarebbe stata un’esplosione più o meno equivalente alla detonazione di 14 tonnellate di TNT pari a 58,5 gigajoule di energia. Combinati, il satellite sovietico e il corpo del razzo cinese hanno una massa di quasi 2.800 chilogrammi. Date queste grandi dimensioni, una collisione avrebbe potuto creare una nuvola significativa di detriti pericolosi, secondo l’astronomo Jonathan McDowell. “Scontro non avvenuto, ma i detriti spaziali sono ancora un grosso problema” ha detto McDowell su Twitter.

Illustrazione collisione spaziale
Illustrazione collisione spaziale. Credit: ESA

Una possibile nube di detriti

Una collisione probabilmente non avrebbe rappresentato un pericolo per nessuno sulla Terra, poiché i satelliti si trovano a 991 chilometri dal suolo e si incrociano sopra il Mare di Weddell in Antartide. Ma la risultante nube di migliaia di frammenti sarebbe stata un pericolo nell’orbita terrestre. Quasi 130 milioni di pezzi di spazzatura spaziale circondano attualmente la Terra. Questi detriti viaggiano a circa 10 volte la velocità di un proiettile. Un simile colpo potrebbe uccidere gli astronauti su un veicolo spaziale. Le collisioni tra pezzi di spazzatura spaziale peggiorano il problema poiché frammentano gli oggetti in pezzi più piccoli.

Collisione
Il software LeoLabs mostra il possibile movimento di ogni oggetto, con la potenziale area di collisione evidenziata in rosso. Credit: LeoLabs

Due eventi nel 2007 e nel 2009 hanno aumentato la quantità di detriti di grandi dimensioni nell’orbita terrestre bassa di circa il 70%. Il primo è stato un test cinese di un missile anti-satellite, in cui la Cina ha fatto saltare in aria uno dei propri satelliti meteorologici. Poi, due anni dopo, un veicolo spaziale americano si è scontrato accidentalmente con uno russo. L’India ha condotto il proprio test missilistico anti-satellite nel 2019 e quell’esplosione ha creato circa 6.500 pezzi di detriti più grandi di una gomma da cancellare.

Satellite
Le traiettorie del satellite sovietico diretto a sud Kosmos-2004 (rosso) e del corpo del razzo cinese CZ-4C-Y4 diretto a nord (viola). Credit: Jonathan McDowell

Problemi futuri

Se il problema della spazzatura spaziale dovesse diventare ancora più importante, una catena di collisioni potrebbe sfuggire al controllo e circondare la Terra in un campo di detriti invalicabile. Questa possibilità è nota come evento di Kessler. Donald J. Kessler, che ha lavorato per il Johnson Space Center della NASA, ha calcolato in un documento del 1978 che potrebbero volerci centinaia di anni perché tali detriti si liberino abbastanza da rendere di nuovo sicuro il volo spaziale.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione