Ingenuity si sta rivelando una ‘macchina’ straordinaria su Marte collezionando voli su voli e battendo sempre tutti i record precedenti

Il piccolo elicotterino Ingenuity della NASA ha completato il volo numero 60 su Marte, il Pianeta Rosso. Questo ultimo volo batte un record di velocità raggiungendo gli 8 m/s. Ingenuity ha coperto una distanza di 340 metri in 133 secondi raggiungendo un’altitudine di 16 metri. Ecco il video rilasciato dalla NASA:

Advertisement
Advertisement
https://www.passioneastronomia.it/wp-content/uploads/2023/09/384271289_272955378983379_2039652457075613072_n-1.mp4
Il volo numero 60 di Ingenuity su Marte. Credit: NASA / JPL-Caltech

L’arrivo su Marte

Ingenuity è atterrato con il rover Perseverance della NASA all’interno del cratere Jezero, largo 45 chilometri, nel febbraio 2021. Perseverance è alla ricerca di segni dell’antica vita su Marte sul fondo di Jezero, che ha ospitato un grande lago e un delta del fiume per miliardi di anni fa e raccogliendo dozzine di campioni per il futuro ritorno sulla Terra. Inizialmente Ingenuity aveva il compito di dimostrare che l’esplorazione aerea è possibile su Marte, nonostante la sottile atmosfera del pianeta. Il piccolo elicottero ha portato a termine questa missione dopo una campagna durata un mese e composta da cinque voli. La NASA ha quindi concesso una proroga durante la quale Ingenuity sta fungendo da scout per il team Perseverance, battendo ogni record (5 erano i voli previsti per decretare il successo della missione e siamo arrivati a 60).

Advertisement
Ingenuity in volo su Marte. Credit: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

La strada verso il futuro

Se tutto andrà secondo i piani, il successo del piccolo elicotterino aprirà la strada anche ai futuri elicotteri per l’esplorazione Marte. Ad esempio, la NASA prevede di mettere due elicotteri simili a Ingenuity nella missione del lander che recupererà i campioni raccolti da Perseverance. E l’agenzia sta lavorando su elicotteri più grandi e più capaci che potrebbero effettuare da soli l’esplorazione in buona fede di Marte, raccogliendo dati in luoghi difficili da raggiungere e coprendo ampie aree del suolo del Pianeta Rosso. 

Advertisement

Fonte

Advertisement