Un nuovo studio mostra che un calore senza precedenti porterà probabilmente alla prossima estinzione di massa eliminando quasi tutti i mammiferi nel giro di circa 250 milioni di anni dalla Terra

Un nuovo studio mostra che un calore senza precedenti porterà probabilmente alla prossima estinzione di massa (dai dinosauri), eliminando quasi tutti i mammiferi nel giro di circa 250 milioni di anni dalla Terra. La ricerca, condotta dall’Università di Bristol, presenta i primi modelli climatici realizzati da un supercomputer per un lontano futuro e dimostra come gli estremi climatici si intensificheranno drammaticamente quando i continenti del mondo finiranno per fondersi per formare un unico continente caldo, secco e in gran parte incontaminato.

Advertisement
Advertisement

Aumento delle temperature

Vita Terra supercontinente
Credit: NICOLLE R. FULLER / SCIENCE SOURCE

Le alte temperature sono destinate ad aumentare ulteriormente, man mano che il Sole diventerà più luminoso, emettendo più energia e riscaldando la Terra. I processi tettonici che si verificano nella crosta terrestre e portano alla formazione di supercontinenti porterebbero anche a eruzioni vulcaniche più frequenti che producono enormi rilasci di anidride carbonica nell’atmosfera, riscaldando ulteriormente il pianeta. I mammiferi, compresi gli esseri umani, sono sopravvissuti storicamente grazie alla loro capacità di adattarsi a condizioni meteorologiche estreme, in particolare attraverso adattamenti come la pelliccia e l’ibernazione al freddo, nonché brevi periodi di ibernazione nella stagione calda. Mentre i mammiferi si sono evoluti per abbassare il limite di sopravvivenza alle temperature fredde, la loro tolleranza alle temperature alte è generalmente rimasta costante. Ciò rende molto più difficile da superare l’esposizione prolungata al caldo eccessivo si rivelerebbe insostenibile.

Advertisement

Il cambiamento climatico innescato dall’uomo

Sebbene il cambiamento climatico indotto dall’uomo e il riscaldamento globale siano probabilmente una causa crescente di stress termico e mortalità in alcune regioni, la ricerca suggerisce che il pianeta dovrebbe rimanere in gran parte abitabile fino a quando questo cambiamento sismico della massa terrestre avverrà in futuro (non immediato). Ma quando si formerà il supercontinente, solo una percentuale compresa tra l’8% e il 16% della terra sarebbe abitabile per i mammiferi.

Advertisement

“Pangea Ultima” sulla Terra

Il team internazionale di scienziati ha applicato modelli climatici, simulando le tendenze di temperatura, vento, pioggia e umidità per il prossimo supercontinente, chiamato Pangea Ultima, che dovrebbe formarsi nei prossimi 250 milioni di anni. Per stimare il livello futuro di CO 2 il team ha utilizzato modelli di movimento delle placche tettoniche, chimica degli oceani e biologia per mappare gli input e gli output di CO 2. La ricerca illustra l’importanza della tettonica e della disposizione continentale quando si conducono ricerche sui pianeti oltre il nostro sistema solare, chiamati esopianeti. Anche se tra 250 milioni di anni la Terra si troverà ancora nella zona abitabile, per i mammiferi la formazione di un supercontinente con elevati livelli di anidride carbonica renderà la maggior parte del mondo inabitabile. I risultati suggeriscono che la disposizione della massa continentale di un mondo lontano potrebbe essere un fattore chiave nel determinare quanto sia vivibile per gli esseri umani.

Advertisement

Fonte