In questi anni sono peggiorate le crepe strutturali della Iss, ma NASA e Roscosmos non hanno ancora trovato un modo per affrontare il problema

La NASA e l’agenzia spaziale russa Roscosmos non hanno ancora risolto un problema di lunga data legato alla Stazione Spaziale Internazionale. Si stanno moltiplicando microscopiche crepe strutturali all’interno del modulo PrK sul segmento russo della stazione spaziale, tra la camera di equilibrio della navicella Progress e il modulo Zvezda. Dopo che il tasso di perdita è raddoppiato all’inizio di quest’anno, i russi hanno provato a tenere chiuso il portello che conduce al modulo PrK e hanno eseguito altre indagini. Ma nessuna di queste misure adottate in primavera ha funzionato.

Advertisement
Advertisement

Quali sono i rischi per gli astronauti

Credit: NASA

I funzionari della NASA hanno minimizzato la gravità della situazione, che attualmente non rappresenta un rischio per la stazione spaziale. Nello scenario peggiore di un cedimento strutturale, la Russia potrebbe chiudere permanentemente il portello che conduce al modulo PrK e fare affidamento su un porto di attracco separato per le missioni di rifornimento Progress.

Advertisement

Le preoccupazioni della NASA

Tuttavia, sembra esserci una crescente preoccupazione presso il Johnson Space Center della NASA a Houston. L’agenzia spaziale utilizza spesso una “matrice di rischio” 5×5 per classificare la probabilità e le conseguenze dei rischi per le attività di volo spaziale, e le fughe di notizie russe sono ora classificate come “5”, sia in termini di probabilità che di conseguenze.

Advertisement

Infrastrutture invecchiate

La stazione spaziale sta invecchiando. Il modulo Zvezda fu lanciato quasi un quarto di secolo fa, nel luglio 2000, su un razzo russo Proton. Le prime crepe sono apparse per la prima volta nel 2019 e da allora hanno continuato a peggiorare. “Hanno riparato diverse perdite, ma ne compaiono sempre di nuove”, ha detto il portavoce della NASA. “Roscosmos deve ancora identificare la causa principale delle crepe, il che rende difficile analizzare o prevedere la futura formazione e crescita delle crepe.”

Advertisement

Fonte