Per la prima volta, nel 2019, è stato osservato un buco nero fare a pezzi una stella dall’inizio alla fine. I dettagli ed il video clamoroso

Per la prima volta, il Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA ha visto un buco nero fare a pezzi una stella dall’inizio alla fine, un fenomeno catastrofico chiamato “evento di interruzione mareale”. Il buco nero supermassiccio che ha generato l’evento ha una massa stimata pari a circa 6 milioni di volte la massa del Sole e si trova al centro di una galassia chiamata 2masx j07001137-6602251 situata a circa 375 milioni di anni luce di distanza in direzione della costellazione del Pesce Volante.

Decisiva una rete mondiale di 20 telescopi

L’esplosione, chiamata ASASSN-19bt, è stata scovata il 29 gennaio 2019 dall’All-Sky Automated Survey for Supernovae (ASAS-SN), una rete mondiale di 20 telescopi. Poco dopo la scoperta, ASAS-SN ha richiesto ulteriori osservazioni da parte del satellite Swift della NASA, dell’XMM-Newton dell’ESA (Agenzia spaziale europea) e dei telescopi terrestri da 1 metro nella rete globale dell’Osservatorio di Las Cumbres. Questo video mostra l’evento ASASSN-19bt ripreso grazie al Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) e a Swift della NASA, insieme a un’animazione che illustra come si è svolto. Poiché ASASSN-19bt si è verificato nella zona di osservazione continua di TESS, il satellite ha osservato l’intera durata dell’evento. Di seguito, ecco il video:

Per approfondire, guarda come la collisione fra due stelle di neutroni genera un buco nero e un lampo di raggi gamma.

Immagine di copertina credit NASA’s Goddard Space Flight Center

Fonte: NASA

Se il lavoro che stiamo facendo ti sembrerà utile, per te e per tutti, potrai anche decidere di esserne partecipe e di abbonarti a Passione Astronomia. Non possiamo prometterti di scoprire cosa c’era prima del Big Bang. Ma possiamo prometterti che con il tuo aiuto ci saranno gli articoli di Passione Astronomia per seguire e capire meglio l’universo.