La NASA ha selezionato 4 volontari che saranno i protagonisti di un viaggio simulato su Marte. Tutto avverrà all’interno di un habitat creato ad-hoc presso il Johnson Space Center a Houston

Abhishek Bhagat, Kamak Ebadi, Susan Hilbig e Ariana Lutsic entreranno nella struttura HERA (Human Exploration Research Analog) qui sulla Terra venerdì 26 gennaio, per vivere e lavorare come veri e propri astronauti per 45 giorni durante una missione simulata su Marte, il Pianeta Rosso. I membri dell’equipaggio lasceranno la struttura l’11 marzo, dopo essere “tornati” sulla Terra. Altri due volontari sono disponibili come membri dell’equipaggio di riserva.

HERA, una struttura futuristica e fondamentale per l’esplorazione spaziale

Marte
Una parte della struttura HERA presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.
Credit: NASA

Non servono rampe di lancio, razzi, capsule e non servono mesi e mesi per raggiungere il nostro caro vicino di casa Marte. Grazie ad HERA, una struttura costruita presso il Johnson Space Center a Houston, le persone selezionate sperimenteranno le condizioni di Marte ma stando qui sulla Terra! Gli scienziati potranno studiare e capire come i membri dell’equipaggio si adattano all’isolamento, al confinamento e alle condizioni di lavoro che gli astronauti sperimenteranno durante le future missioni spaziali. Infatti i 4 volontari selezionati condurranno attività scientifiche, operative e di manutenzione con anche alcuni intoppi come ad esempio i ritardi di comunicazione con il mondo esterno. Sono previsti anche 18 studi sulla salute umana durante questa missione simulata. Gli esperimenti valuteranno le risposte psicologiche, fisiologiche e comportamentali dei membri dell’equipaggio come se fossero a milioni di chilometri di distanza dalla Terra (proprio su Marte). La prossima missione sarà la prima delle quattro previste utilizzando HERA nel 2024. Ogni missione includerà un equipaggio diverso di quattro volontari con caratteristiche psico-fisiche simili a quelle che sono richieste per essere veri astronauti. La fine è prevista per il 16 dicembre. Lo Human Research Program della NASA persegue i migliori metodi e tecnologie per supportare viaggi spaziali umani sicuri e produttivi. Attraverso la scienza condotta nei laboratori, analoghi terrestri e la Stazione Spaziale Internazionale, HRP esamina il modo in cui il volo spaziale influenza i corpi e i comportamenti umani. Tale ricerca è volta ad innovare i metodi che mantengono gli astronauti in salute e pronti per i futuri viaggi spaziali verso la Luna, Marte ed oltre.

Dettagli e informazioni sui membri dell’equipaggio per la missione Marte

Equipaggio Marte
I 4 volontari selezionati per la missione simulata su Marte. Da sinistra Abhishek Bhagat, Susan Hilbig, Kamak Ebadi e Ariana Lutsic.
Credit: NASA

Ma conosciamo meglio i 4 volontari selezionati per la missione simulata su Marte. Iniziamo con Abhishek Bhagat che è un ingegnere elettrico ricercatore presso il Cold Region Research and Engineering Lab del Centro di ricerca e sviluppo dell’esercito degli Stati Uniti. Ha conseguito una laurea in ingegneria, un master in ingegneria elettrica e un master in informatica. Attualmente sta conseguendo un master in sistemi spaziali. Kamak Ebadi è un tecnologo robotico presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA nel sud della California. È membro del team delle operazioni di volo spaziale responsabile della gestione del rover Perseverance della NASA su Marte. Supporta anche il programma Artemis della NASA e la missione Mars Sample Return. Susan Hilbig, di Durham, North Carolina, è un’assistente medico con particolare attenzione alla medicina aerospaziale e alle prestazioni umane in ambienti isolati e confinati. Ha esperienza con ambienti estremi simulati in camere iperbariche presso il Dive Medicine Center della Duke University. Ariana Lutsic è una scienziata e ingegnere presso il Kennedy Space Center della NASA in Florida, specializzata nel supporto alla ricerca per carichi utili biologici sulla ISS. Attualmente sta conseguendo un altro master presso il Florida Institute of Technology, con particolare attenzione alla biologia marina e all’astrobiologia.

Membri dell’equipaggio di riserva

Gregory Contreras e Carli Domenico.
Credit: NASA

La squadra di riserva è composta dal tenente comandante Gregory Contreras e dalla neuroscienziata Carli Domenico. Gregory Contreras è un pianificatore e analista di programmazione del budget per la Divisione Integrazione e Programmazione della Marina degli Stati Uniti. Ha anche lavorato come ingegnere dei sistemi spaziali e rappresentante tecnico presso il National Reconnaissance Office del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e come consulente ingegneristico, tecnico e logistico per conto degli Stati Uniti per la Royal Saudi Navy. La sua tesi di laurea magistrale si è concentrata sui controlli spaziali e sulla robotica. Carli Domenico, come anticipato, è una neuroscienziata di San Antonio, in Texas. Ha conseguito il dottorato presso il Baylor College of Medicine, dove ha studiato i circuiti neurali in modelli animali, dai piccioni ai ratti, per una ricerca specializzata nell’apprendimento e nella memoria. La sua ricerca di tesi includeva uno studio indipendente che indagava l’infiammazione e il dolore cronico negli esseri umani.

Fonte