C’è ancora un luogo, un angolo remoto del nostro Sistema Solare, in cui potrebbe trovarsi il Pianeta X, un ipotetico gigante che si nasconde nelle ombre cosmiche

Un recente studio presentato al The Astronomical Journal parla della ricerca dell’elusivo Pianeta 9 (chiamato anche Pianeta X), un ipotetico pianeta potenzialmente in orbita nelle zone più esterne del sistema solare, ben oltre l’orbita del pianeta nano Plutone. Obiettivo di questo studio è stato quello di restringere le possibili posizioni del Pianeta X affinché possa essere scoperto e studiato per comprendere al meglio non solo la composizione del nostro sistema solare, ma anche la sua formazione e i suoi processi evolutivi. 

La storia del Pianeta X

Gli scienziati iniziarono a ipotizzare l’esistenza del Pianeta 9 poco dopo la scoperta di Nettuno nel 1846,ì. Se ne parla in un libro di memorie del 1880 scritto da D. Kirkwood ma anche in un articolo del 1946 scritto dall’astronomo americano Clyde Tombaugh, scopritore di Plutone nel 1930. Studi più recenti risalgono al 2016 ed al 2017. Nello studio pubblicato nel The Astronomical Journal è stata presentata l’indagine più completa per restringere la posizione del Pianeta 9, che il Dr. Brown – principale autore dello studio – ha a lungo creduto esistesse. Infatti è proprio lui ad affermare che ci sono troppi indizi a favore dell’esistenza del pianeta 9, addirittura non potremmo spiegare molte cose del nostro sistema solare se questo pianeta non fosse lì.

Pianeta X
Rappresentazione artistica del Pianeta X con il Sole e l’orbita di Nettuno (anello) in lontananza.
Credit: ESO/Tomruen/nagualdesign

Cosa ci dice lo studio più recente

Pan-STARRS, acronimo di Panoramic Survey Telescope and Rapid Response System, è un sistema di osservazione astronomica collaborativo situato presso l’Osservatorio di Haleakala e gestito dall’Istituto di Astronomia dell’Università delle Hawaii. Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati del Data Release 2 (DR2) con l’obiettivo, come abbiamo detto poc’anzi, di restringere il campo e trovare la possibile posizione del Pianeta X, anche sulla base dei risultati di studi precedenti. Il team ha così eliminato circa il 78% delle possibili posizioni che erano già state calcolate in precedenza ed ha fornito nuove stime approssimative per il semiasse maggiore e per la massa. Purtroppo, il risultato più significativo di questo studio è stato restringere ancor più l’area di ricerca. Allo stato attuale il team ha esaminato circa l’80% delle regioni in cui pensano che potrebbe trovarsi il Pianeta X.

Perché gli scienziati sono alla ricerca del Pianeta X

Sole sistema solare

E’ importante capire anche perché il team è alla ricerca di questo pianeta che, vi ricordiamo, avrebbe una massa compresa tra quella della Terra e quella di Urano. Innanzitutto la sua esistenza spiegherebbe molte cose che riguardano le orbite degli oggetti nel sistema solare esterno, altrimenti inspiegabili o comunque che necessiterebbero di una spiegazione indipendente. Inoltre c’è anche la grande distanza del perielio di molti oggetti, oppure l’esistenza di oggetti molto inclinati e persino retrogradi ed infine l‘alta abbondanza di orbite molto eccentriche che si incrociano all’interno dell’orbita di Nettuno. Niente di tutto ciò dovrebbe accadere nel sistema solare, a meno che non siano conseguenze della presenza di questo fantomatico pianeta. Per concludere: il Pianeta 9 esiste e lo troveremo nei prossimi anni o decenni? Non lo sappiamo, solo il tempo ce lo potrà dire. Voi… restate sintonizzati!

Fonte