Esiste un buco nero clandestino: veniva scambiato per una galassia lontana ed invece le sue emissioni radio lo hanno tradito.

Sto parlando di VLA J213002.08+120904 ( abbreviato VLA J2130+12) il cui nome è già tutto un rebus. Gli astronomi hanno combinato le osservazioni a raggi X Chandra della NASA, del telescopio spaziale Hubble e del Very Large Array e sono giunti ad una verità sovvertita: non è una galassia lontana ma bensì un sistema binario formato da un buco nero, di diverse masse solari, ed una stella compagna piano piano assorbita. VLA J213002.08+120904 è apparentemente vicino all’ammasso globulare M15 come potete osservare nella foto. M15 è un ammasso stellare visibile nella costellazione di Pegaso a circa 34.000 anni luce dalla Terra ed è uno dei più densi conosciuti ed il suo nucleo ha subito delle contrazioni in passato proprio a causa di un buco nero (non il nostro in questione).

Ecco VLA J2130+12 con l’ammasso M15. Credit: https://chandra.harvard.edu/photo/2016/vla/

Qualche informazione in più

Il buco nero VLA J2130+12 è addirittura più vicino alla Terra di circa cinque volte rispetto all’ammasso stellare: dista ‘soltanto’ 7.200 anni luce. I dati sono stati pubblicati sull’ ‘Astrophysical Journal’ ed hanno permesso di studiare più in dettaglio questo oggetto misterioso. Solitamente i buchi neri vengono individuati grazie alla grande quantità di materiale stellare che assorbono mentre invece VLA J2130+12 è insolitamente calmo ed ha tratto in inganno gli astronomi. Questa scoperta cambia totalmente la nostra visione sui buchi neri: possono essere ancora più numerosi in quanto ‘clandestini’.

Tour di VLA J2130+12

Per leggere lo studio cliccate qui

Passione Astronomia consiglia...
Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione