Tre settimane dopo il decollo dal lato nascosto della Luna, la sonda spaziale cinese Chang’e-6 ha lasciato cadere una capsula contenente campioni lunari, primi nel suo genere, sulle pianure della Mongolia.

Tre settimane dopo il decollo dal lato nascosto della Luna, la navicella spaziale cinese Chang’e-6 ha lasciato cadere una capsula contenente campioni lunari, primi nel suo genere, da recuperare dalle pianure della Mongolia Interna. Dopo l’atterraggio della capsula, i membri della squadra di recupero della missione l’hanno controllata e hanno dispiegato una bandiera cinese nelle vicinanze. Chang’e-6, lanciata all’inizio di maggio, è la prima missione robotica ad atterrare e decollare sul lato nascosto della Luna, il lato sempre rivolto lontano dalla Terra.

Advertisement
Banner Plus

La missione cinese

Credit: CCTV/CNSA via Weibo

“La missione di esplorazione lunare Chang’e-6 ha ottenuto un completo successo”, ha detto Zhang Kejian, direttore dell’Amministrazione spaziale nazionale cinese, dal controllo missione. Il presidente cinese Xi Jinping ha rivolto le sue congratulazioni alla squadra. Chang’e-6 ha seguito un piano di volo simile a quello utilizzato per Chang’e-5. Quella missione aveva riportato campioni dal lato della Luna rivolto verso la Terra, nel 2020. Dopo essere entrata nell’orbita lunare, la navicella spaziale ha inviato un lander nel Bacino di Aitken, sulla Luna.

Come il lander ha raccolto le rocce lunari

Il lander ha utilizzato un trapano e un braccio robotico per raccogliere e immagazzinare campioni durante la missione. Ha anche raccolto dati sull’ambiente circostante con un rilevatore di ioni negativi e un mini-rover. Dati e telemetria sono stati trasmessi tra Chang’e-6 e la Terra tramite il satellite cinese Queqiao-2 . I campioni sono stati trasferiti in una capsula di rientro. La navicella spaziale ha lasciato l’orbita lunare diversi giorni fa per il ritorno sulla Terra. La capsula è stata rilasciata mentre la navicella spaziale percorreva circa 5.000 chilometri sopra l’Oceano Atlantico meridionale. Dopo un primo ciclo di lavorazione presso il sito di atterraggio in Mongolia, la capsula verrà trasportata a Pechino, dove il prezioso carico della missione verrà rimosso per essere distribuito ai ricercatori.

Fonte