Un inno alle stelle: ecco cosa succede quando la scienza converte l’universo in musica.

Lo scorso anno il telescopio spaziale James Webb ci ha regalato i colori più belli dell’universo attraverso le sue magnifiche foto. Ma la NASA non si è accontentata di svelare visivamente le meraviglie dell’universo. Attingendo alla lunga storia d’amore tra musica e astronomia, gli scienziati hanno mappato i colori in base alle diverse lunghezze del suono.

La musica e lo spazio potrebbero non sembrare partner naturali: dopo tutto, niente aria significa niente suono. Ma per i nostri antenati i collegamenti erano evidenti. Nell’antica Grecia, filosofi come Aristotele credevano che la Terra fosse al centro dell’universo. Per gli antichi i fenomeni terrestri erano in continua evoluzione, riflesso dell’imperfezione del nostro pianeta. Il cielo, al contrario, era visto come immutabile ed eterno, e quindi degno di emulazione.

La lunga storia d’amore tra musica e astronomia

Invece di mappare i sistemi planetari, gli scienziati stanno mappando il cielo con i suoni, seguendo alcune regole. La luce intensa in un’immagine si traduce in volume intenso: un oggetto più luminoso produce un suono più forte. A sua volta, la durata di un suono corrisponde all’aspetto dell’oggetto: una stella emette un suono breve, una nebulosa un suono lungo.

Il suono dell’universo

Per quanto riguarda il tono, potrebbe riflettere direttamente la frequenza della luce (un tono più alto se la frequenza è più alta) o essere una codifica spaziale (più alto è l’oggetto nell’immagine, più alto è il tono). In tal caso, l’immagine di una “montagna” nebulare produrrà un vero e proprio sali e scendi sonoro. In un’immagine del centro della nostra Galassia rilasciata dal telescopio spaziale Chandra, entrambi i metodi sono combinati: codifica spaziale con diverse frequenze luminose rappresentate da diversi strumenti (campane per raggi X, corde per luce visibile e un pianoforte per infrarossi). Nel 1606, il filosofo francese Blaise Pascal scriveva che “il silenzio eterno di questi spazi infiniti” lo terrorizzava. Per gli scienziati moderni, tuttavia, sono un parco giochi di luce e soprattutto di musica.

Fonte