Una mappa composta da oltre 25.000 buchi neri supermassicci situati in regioni remote dell’Universo

Grazie al radiotelescopio Low Frequency Array (LOFAR) è stata prodotta la più grande mappa del cielo nella banda radio: essa rivela più di 25.000 buchi neri supermassicci attivi in ​​galassie lontane.

La mappa in banda radio
La mappa in banda radio. Credit: Sky survey; LOFAR; F. de Gasperin
https://www.astron.nl/a-starry-sky-made-of-more-than-25000-supermassive-black-holes/

La mappa

Come detto la mappa si basa su osservazioni in radio e i buchi neri dominano l’immagine. Pensate che pur essendo la più grande mai elaborata copre solo il 2% del cielo (nei prossimi anni verrà completata per quanto concerne l’emisfero boreale). Ma questa mappatura è fondamentale per scovare oggetti che emettono solo onde a frequenze radio ultra basse.  L’osservazione dell’Universo a queste lunghe lunghezze d’onda è molto complessa: il motivo è la presenza della ionosfera terrestre. L’effetto di quest’ultima sulle osservazioni è paragonabile, ad esempio, ad osservare oggetti mentre si è immersi in acqua. Per ovviare alle distorsioni gli scienziati hanno utilizzato supercomputer e nuovi algoritmi. Nuove e grandi scoperte ci attendono.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it