Un team internazionale di scienziati ha annunciato la scoperta del più piccolo pianeta solitario di dimensioni terrestri trovato fino ad oggi. La Via Lattea potrebbe pullulare di pianeti solitari, gravitazionalmente non legati a nessuna stella

Ad oggi sono stati scoperti oltre quattromila pianeti extrasolari. Sebbene molti degli esopianeti conosciuti non assomiglino a quelli del nostro sistema solare, hanno una cosa in comune: orbitano tutti intorno a una stella. Tuttavia, le teorie sulla formazione e l’evoluzione dei pianeti predicono l’esistenza di pianeti solitari, gravitazionalmente non legati a nessuna stella. In effetti, alcuni anni fa gli astronomi polacchi del team OGLE dell’Osservatorio Astronomico dell’Università di Varsavia hanno fornito le prime prove dell’esistenza di tali pianeti nella Via Lattea. Gli astronomi di OGLE hanno annunciato la scoperta del più piccolo pianeta solitario trovato fino ad oggi.

Gli esopianeti possono essere osservati direttamente solo raramente. Di solito, gli astronomi trovano i pianeti utilizzando il metodo del transito. Ad esempio, se un pianeta attraversa davanti al disco della sua stella madre, la luminosità osservata della stella diminuisce periodicamente di una piccola quantità causando i cosiddetti transiti. Gli astronomi possono anche misurare il movimento della stella causato dal pianeta.

Rappresentazione artistica di un pianeta solitario
Rappresentazione artistica di un pianeta solitario.
Crediti: Jan Skowron / Osservatorio astronomico, Università di Varsavia

I pianeti solitari

I pianeti solitari non emettono praticamente radiazioni e, per definizione, non orbitano attorno a nessuna stella ospite, quindi non possono essere scoperti utilizzando i metodi tradizionali di rilevamento astrofisico. Tuttavia, questi pianeti possono essere individuati utilizzando un fenomeno astronomico chiamato microlensing gravitazionale. Il microlensing è il risultato della teoria della relatività generale di Einstein: un oggetto massiccio (la lente) può piegare la luce di un oggetto luminoso sullo sfondo (la sorgente). La gravità della lente agisce come un’enorme lente d’ingrandimento che piega e ingrandisce la luce delle stelle lontane.

Quando la gravità di un pianeta solitario devia e focalizza la luce di una stella lontana, possiamo osservare cambiamenti temporanei nella luminosità della stella. 
Credit: Jan Skowron / Osservatorio astronomico, Università di Varsavia.

Questo è il motivo per cui le moderne indagini a caccia di eventi di microlensing gravitazionale stanno monitorando centinaia di milioni di stelle nel centro della Via Lattea, dove le possibilità di microlensing sono più alte. L’indagine OGLE, guidata dagli astronomi dell’Università di Varsavia. conduce uno di questi esperimenti. OGLE è una delle più grandi e lunghe rilevazioni del cielo: ha iniziato le operazioni oltre 28 anni fa. Attualmente, gli astronomi OGLE stanno utilizzando un telescopio di Varsavia di 1,3 metri situato presso l’Osservatorio di Las Campanas, in Cile.

Simulazione del microlensing gravitazionale

OGLE-2016-BLG-1928

Gli scienziati hanno annunciato la scoperta dell’evento di microlensing su scala più breve mai trovato, chiamato OGLE-2016-BLG-1928, che ha una durata di soli 42 minuti. “Quando abbiamo individuato per la prima volta questo evento, era chiaro che doveva essere stato causato da un oggetto estremamente piccolo“, afferma il dott. Radosław Poleski dell’Osservatorio astronomico dell’Università di Varsavia, coautore dello studio. In effetti, i modelli dell’evento indicano che l’obiettivo doveva essere meno massiccio della Terra, probabilmente era un oggetto di massa di Marte. Alcuni anni fa, gli astronomi di OGLE hanno fornito le prime prove per una vasta popolazione di pianeti solitari nella Via Lattea. Tuttavia, il pianeta appena rilevato è il più piccolo mondo mai trovato. “La nostra scoperta dimostra che i pianeti solitari di massa ridotta possono essere rilevati e caratterizzati utilizzando telescopi terrestri“, afferma il prof. Andrzej Udalski, il PI del progetto OGLE.

Protoplanetario disco
Rappresentazione artistica di un disco protoplanetario
I dischi protoplanetari

Gli astronomi sospettano che i pianeti solitari si siano effettivamente formati in dischi protoplanetari attorno alle stelle (come pianeti “ordinari”) e che siano stati espulsi dai loro “sistemi planetari genitori” dopo interazioni gravitazionali con altri corpi, ad esempio, con altri pianeti nel sistema. Le teorie sulla formazione dei pianeti prevedono che i pianeti espulsi dovrebbero essere tipicamente più piccoli della Terra. Così studiare questi pianeti ci permette di comprendere il passato turbolento dei giovani sistemi planetari, come il nostro sistema solare.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione