Vediamo la situazione della seconda conquista lunare, progettata pensando anche a Marte. Ecco il programma Ártemis

Sembra che la NASA stia apportando alcuni cambiamenti nella sua pianificazione per il ritorno degli esseri umani sulla superficie della Luna nel 2024. Un documento chiamato “Moon 2024 Mission Manifest” è stato rilasciato dall’agenzia e rivela le date per le prime 10 missioni del programma Ártemis. Oltre a modificare l’ordine dei lanci rispetto ai piani iniziali, il documento mostra anche che la NASA intende enfatizzare l’uso dello Space Launch System (SLS), un razzo alto 65 metri il cui sviluppo è in corso da anni.

Rappresentazione artistica del SLS al decollo

Ci sono tre versioni previste per il razzo, chiamate Blocco 1, Blocco 1B e Blocco 2.

La nuova strategia per Artemis non è stata ancora annunciata pubblicamente, ma il documento può dare qualche spunto sul nuovo programma. In precedenza, la missione Artemis 1, programmata per essere il primo volo della SLS, sarebbe stata lanciata nel giugno 2020 per testare la capsula dell’equipaggio Orion completa e il sistema del veicolo di lancio. Tuttavia, il documento conferma che la prima missione per la SLS avverrà solo nell’aprile 2021, non sappiamo se per via della pandemia mondiale in corso, o se per effettivi ritardi del progetto.

Infografico sulla futura prima missione Artemis

Ecco il primo elenco provvisorio delle missioni previste.

  • Aprile 2021: Artemis I, volo di prova senza pilota di Orion in SLS Block 1
  • Gennaio 2023: Artemis II, volo con equipaggio di Orione intorno alla Luna nel blocco 1 di SLS
  • Agosto 2024: Artemis III, modulo lunare integrato lanciato sulla Luna nel blocco SLS 1B
  • Ottobre 2024: Artemis IV, volo con equipaggio di Orione per l’atterraggio umano sulla Luna nel Blocco 1 di SLS
  • Settembre 2025: missione scientifica, lancio di Europa Clipper nel blocco 1 della SLS
  • Giugno 2026: Artemis V, volo con equipaggio di Orione verso la Luna nel blocco SLS 1B
  • Giugno 2027: missione scientifica, lancio di Europa Lander nel blocco 1B di SLS
  • Agosto 2028: Artemis VI, volo con equipaggio di Orione verso la Luna nel blocco SLS 1B
  • Febbraio 2029: Artemis VII, missione Moon Charge nel blocco 2 SLS
  • Agosto 2029: Artemis VIII, missione con equipaggio di Orione nel Blocco 2 SLS
  • Febbraio 2030: Artemis IX, missione Cargo in SLS Block 2
  • Agosto 2030: Artemis X, missione con equipaggio in SLS Block 2

La NASA ha dichiarato che questo annuncio non riflette accuratamente i suoi piani per il programma Artemis che, dipendendo da nuovi progetti o problemi, potrà essere cambiato.

La configurazione prevista per il Gateway.

Il piano originale della NASA includeva l’utilizzo di diversi razzi commerciali per inviare componenti di un modulo di atterraggio umano e rilasciarli a bordo del Lunar Gateway, la stazione spaziale che orbiterà attorno alla Luna.

Quattro astronauti sarebbero stati lanciati sulla SLS per il Gateway . Due di loro sarebbero atterrati sulla superficie lunare utilizzando HLS e due sarebbero rimasti in orbita all’interno della stazione.

HLS, la configurazione prevista per il lander lunare.

La NASA ha dato come limite il 2022 a 14 partner commerciali ingaggiati per sviluppare le tecnologie per il secondo sbarco lunare, in elenco qui sotto:

Regolith Adherence Characterization (RAC):

determinerà come la regolite lunare si attacca a una gamma di materiali esposti all’ambiente lunare in diverse fasi del volo. I componenti saranno derivati ​​dalla strutturaMISSE (Materials International Space Station Experiment) attualmente sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Next Generation Lunar Retroreflectors (NGLR):

servirà come bersaglio per i laser sulla Terra per misurare con precisione la distanza tra la Terra e la Luna. Questi catadiottri, uno dei quali volerà in questa missione, sono progettati per fornire dati che potrebbero essere utilizzati per comprendere vari aspetti dell’interno lunare e affrontare questioni fondamentali di fisica.

Lunar Environment Heliospheric X-ray Imager (LEXI):

catturerà le immagini dell’interazione della magnetosfera terrestre con il flusso di particelle cariche dal Sole, chiamato vento solare.

Reconfigurable, Radiation Tolerant Computer System (RadPC):

Mira a dimostrare una tecnologia informatica tollerante alle radiazioni. A causa della mancanza di atmosfera e di campo magnetico della Luna, la radiazione del Sole sarà una sfida per l’elettronica. Questa indagine caratterizzerà anche gli effetti delle radiazioni sulla superficie lunare.

Lunar Magnetotelluric Sounder (LMS):

progettato per caratterizzare la struttura e la composizione del mantello lunare studiando i campi elettrici e magnetici. L’indagine farà uso di un magnetometro di riserva di volo, un dispositivo che misura i campi magnetici, originariamente realizzato per la sonda Mars Atmosphere e Volatile EvolutioN (MAVEN) attualmente in orbita attorno a Marte.

Lunar Instrumentation for Subsurface Thermal Exploration with Rapidity (LISTER):

Progettato per misurare il flusso di calore dall’interno della Luna. La sonda tenterà di perforare da 2 a 3 metri nella regolite lunare per indagare le proprietà termiche della Luna a diverse profondità.

Lunar PlanetVac (LPV):

Una tecnologia per acquisire e trasferire la regolite lunare dalla superficie ad altri strumenti che analizzerebbero il materiale, o metterla in un contenitore che un altro veicolo spaziale potrebbe tornare sulla Terra.

Telecamere stereo per studi sulla superficie del pennacchio lunare (SCALPSS 1.1):

acquisiranno dati video e di immagini fisse dell’area sotto il lander appena prima del punto in cui il pennacchio del motore disturba per la prima volta la superficie lunare durante lo spegnimento del motore. Le telecamere a focale lunga determineranno la topografia della superficie prima dell’atterraggio. La fotogrammetria sarà utilizzata per ricostruire la superficie tridimensionale mutevole durante l’atterraggio. Comprendere la fisica dello scarico dei razzi sulla regolite e lo spostamento di polvere, ghiaia, rocce, ecc., È fondamentale per capire come mitigare al meglio l’espulsione durante la fase terminale di volo / atterraggio sulla Luna e altri corpi celesti.

Electrodynamic Dust Shield (EDS):

una tecnologia che genera un campo elettrico non uniforme utilizzando l’alta tensione variabile su più elettrodi. Il campo non uniforme genera una forza dielettroforetica (DEP) che, a sua volta, muove le particelle e ha potenziali implicazioni per i radiatori termici, i tessuti delle tute spaziali, le visiere, le lenti delle telecamere, i pannelli solari e molte altre tecnologie.

Lunar GNSS Receiver Experiment (LuGRE):

basato sul Global Positioning System (GPS) statunitense, LuGRE continuerà ad estendere la portata dei segnali GPS e, in caso di successo, sarà il primo a distinguere i segnali GPS a distanze lunari.

Fonte dati: NASA

Per Aspera ad Astra

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione