Le scoperte di un gruppo di scienziati rivoluzionano completamente ciò che sappiamo sulla formazione delle galassie.

I buchi neri non solo esistevano all’alba dei tempi, ma hanno anche dato vita a nuove stelle e hanno potenziato la formazione di galassie, secondo un nuovo studio basato sui dati del telescopio spaziale James Webb. Questa ricerca capovolge completamente le teorie su come i buchi neri modellano il cosmo, sfidando la comprensione classica secondo cui si formarono dopo l’emergere delle prime stelle e galassie. Invece, i buchi neri potrebbero aver accelerato drammaticamente la nascita di nuove stelle durante i primi 50 milioni di anni dell’universo.

Buchi neri, i mattoni delle prime galassie

Galassia IC 342 Euclid
Galassia IC 342 ripresa da Euclid. Credit: ESA

“Sappiamo che ci sono questi mostruosi buchi neri al centro delle galassie, ma la grande sorpresa è che erano presenti anche all’inizio dell’universo ed erano quasi come mattoni o semi per le prime galassie”, ha detto l’autore dello studio Joseph Silk, professore presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia della Johns Hopkins University e presso l’Istituto di Astrofisica di Parigi. “Immaginateli come giganteschi amplificatori della formazione stellare, il che rappresenta una svolta rispetto a ciò che pensavamo possibile prima, al punto che questo potrebbe scuotere completamente la nostra comprensione di come si formano le galassie.”

Cosa è successo all’inizio dell’universo

Gli scienziati credono che l’universo primordiale abbia avuto due fasi. Durante la prima fase, i deflussi ad alta velocità dai buchi neri hanno accelerato la formazione stellare; poi, in una seconda fase, i deflussi hanno rallentato. Alcune centinaia di milioni di anni dopo il Big Bang, le nubi di gas collassarono a causa delle tempeste magnetiche dei buchi neri supermassicci e nuove stelle nacquero a un ritmo di gran lunga superiore a quello osservato miliardi di anni dopo. La creazione di stelle è rallentata perché questi potenti deflussi sono passati in uno stato di conservazione dell’energia, ha detto, riducendo il gas disponibile per formare stelle nelle galassie.

Un seme dal quale è nato tutto

“Pensavamo che all’inizio le galassie si formassero quando una gigantesca nube di gas collassava”, ha spiegato Silk. “La grande sorpresa è che c’era un seme nel mezzo di quella nebulosa – un grande buco nero – e questo ha contribuito a trasformare rapidamente la parte interna di quella nebulosa in stelle a una velocità molto maggiore di quanto ci saremmo mai aspettati. Ecco perché le prime galassie sono incredibilmente luminose“.

Fonte