Grazie alle osservazioni del telescopio spaziale James Webb, gli scienziati sanno qualcosa in più su come nasce un pianeta.

Gli scienziati hanno appena fatto una scoperta rivoluzionaria che riguarda la formazione dei pianeti. Osservando il vapore acqueo nei dischi protoplanetari, il telescopio spaziale James Webb ha confermato il processo fisico attraverso il quale il ghiaccio si sposta dalle regioni esterne del disco nella zona del pianeta roccioso. Le teorie hanno da tempo proposto che i ciottoli ghiacciati che si formano nelle regioni fredde ed esterne dei dischi protoplanetari – la stessa area in cui hanno origine le comete nel nostro sistema solare – dovrebbero essere i semi fondamentali della formazione dei pianeti. Il requisito principale di queste teorie è che questi blocchi di ghiaccio dovrebbero spostarsi verso la stella a causa dell’attrito nel disco gassoso, trasportando anche l’acqua ai pianeti.

I dettagli della scoperta

Credit: NASA

Secondo gli scienziati, quando questi “ciottoli” ghiacciati entrano nella regione più calda, dove il ghiaccio si trasforma in vapore, rilasciano grandi quantità di vapore acqueo freddo. È esattamente ciò che ha osservato James Webb.

La connessione tra ghiaccio e vapore acqueo grazie al James Webb

“Il telescopio spaziale ci ha rivelato la connessione tra il vapore acqueo nel disco interno e la deriva dei ciottoli ghiacciati dal disco esterno”, ha detto il ricercatore principale Andrea Banzatti della Texas State University. “Questa scoperta apre prospettive entusiasmanti per lo studio della formazione dei pianeti rocciosi con il James Webb!”

Come nel sistema solare

“In passato, avevamo un quadro molto statico della formazione dei pianeti, quasi come se ci fossero queste zone isolate in cui si formano i pianeti”, ha spiegato un membro del team. “Ora abbiamo effettivamente la prova che queste zone possono interagire tra loro. È anche qualcosa che si suppone sia accaduto nel nostro sistema solare”.

Riferimenti: NASA