Il nuovissimo satellite Copernicus Sentinel-6 per monitorare il livello del mare globale è stato lanciato con successo. Ecco cosa aspettarsi

Il lancio di Sentinel-6 Michael Freilich, l’ultimo di una serie di veicoli spaziali progettati per monitorare i nostri oceani, è andato a buon fine. Il satellite sarà seguito nel 2025 dal suo gemello, Sentinel-6B. Insieme, la coppia ha il compito di estendere il nostro record di quasi 30 anni di misurazioni globali dell’altezza della superficie del mare. Gli strumenti a bordo dei satelliti forniranno anche dati atmosferici che miglioreranno le previsioni meteorologiche, i modelli climatici e il monitoraggio degli uragani. Il satellite è stato trasportato nello spazio su un razzo Falcon 9 di SpaceX, decollato oggi alle le 18:16 (ora italiana). Sentinel-6 inizierà il dispiegamento del pannello solare circa un’ora e sette minuti dopo il lancio e si prevede che effettuerà il primo contatto circa 25 minuti dopo.

Copernicus Sentinel-6
Copernicus Sentinel-6. Credit: NASA/JPL-Caltech

Mappatura del livello del mare

Il satellite Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich è il primo di due satelliti identici a fornire misurazioni critiche del cambiamento del livello del mare. Una volta in sicurezza in orbita, il satellite continuerà la registrazione a lungo termine delle misurazioni di riferimento dell’altezza della superficie del mare ed estenderà le registrazioni del livello del mare nella sua quarta decade. Il satellite mapperà il 95% dell’oceano senza ghiaccio della Terra ogni 10 giorni e fornirà informazioni cruciali per l’oceanografia operativa e gli studi sul clima. Poiché l’innalzamento del livello del mare è un indicatore chiave del cambiamento climatico, il monitoraggio accurato dell’altezza mutevole della superficie del mare nel corso di decenni è essenziale per la scienza del clima, per l’elaborazione delle politiche e per la protezione di coloro che si trovano nelle regioni a rischio di pianura.

Il satellite è stato ribattezzato in onore di Michael H. Freilich, l’ex direttore della Earth Science Division della NASA. La missione è una collaborazione tra ESA, Commissione Europea, EUMETSAT, NASA e NOAA, con il supporto dell’agenzia spaziale francese CNES.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione