Quello catturato dai satelliti dell’ESA è un vero e proprio disastro ambientale. Tonnellate di gasolio e lubrificanti riversati in un corso d’acqua

È stato dichiarato lo stato di emergenza dopo che circa 20.000 tonnellate di gasolio sono finite in un fiume all’interno del circolo polare artico. Le immagini catturate dalla missione Copernicus Sentinel-2 dell’ESA mostrano l’entità notevole della fuoriuscita. Un vero e proprio disastro ambientale.

disastro ambientale
La tragedia

La fuoriuscita si è verificata quando un serbatoio di carburante, in una centrale elettrica vicino a Norilsk, gestito da una filiale di Norilsk Nickel, è crollato venerdì 29 maggio. Il carburante si è spostato a circa 12 km dal luogo dell’incidente trasportato dalle correnti del fiume. Nella seguente questa animazione, il gasolio è visibile nel fiume Ambarnaya sia il 31 maggio che il 1 giugno, facilmente identificabile in rosso cremisi.

Il disastro ambientale. Credit: Copernicus Sentinel data, processed by ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

Il fiume e la missione

Il fiume Ambarnaya sfocia nel lago Pyasino, un grande specchio d’acqua e sorgente del fiume Pysaina. Copernicus Sentinel-2 è una missione a due satelliti per fornire la copertura e l’invio dei dati necessari per il programma Copernicus in Europa. Le frequenti riprese sulla stessa area e l’elevata risoluzione spaziale consentono di monitorare attentamente i cambiamenti nei corpi idrici.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione