È iniziata la notte polare a Utqiaġvik: la prossima volta che la città vedrà sorgere il Sole sarà il 23 gennaio 2024. I dettagli della notte polare

Il Sole è tramontato per l’ultima volta quest’anno nella città più settentrionale d’America, Utqiaġvik, in Alaska il 18 Novembre alle 13:37 (ora locale). Utqiaġvik ospita circa 4.500 persone e la maggior parte dei residenti sono nativi Iñupiat dell’Alaska. Sabatp è iniziata la notte polare per la città precedentemente nota come Barrow. La prossima volta che il Sole sorgerà sarà il 23 gennaio 2024. Utqiaġvik è a circa quattro ore di volo, o 750 chilometri a nord-ovest, da Fairbanks, situata appena a nord del circolo polare artico. La città ospita anche l’Osservatorio ambientale di Barrow, dove i ricercatori vengono a studiare l’Artico. La popolazione di Utqiaġvik non sarà nella completa oscurità per i prossimi 65 giorni: il crepuscolo civile si verifica per diverse ore durante il periodo della notte polare e fornirà luce sufficiente per vedere durante “quelle che generalmente sarebbero le ore diurne”.

Advertisement
Banner Plus
Notte polare a Utqiaġvik
Notte polare a Utqiaġvik (Alaska). Credit: University of Alaska Fairbanks

È nato il canale WhatsApp di Passione Astronomia! Iscriviti per ricevere tutti i nostri aggiornamenti

Perché accade questo?

A causa dell’inclinazione dell’asse su cui ruota la Terra, a latitudini superiori o almeno pari a quelle dei circoli polari (nord o sud), il Sole può restare sotto l’orizzonte anche durante tutto il giorno a seconda della maggiore vicinanza al polo geografico (il periodo varia a seconda della posizione). Questo fa si che ci siano le cosiddette ‘notti polari’.

Immagine di copertina credit MeteoNews 24 (Facebook)

RiferimentiFoxWeather

Ciao,

ci auguriamo che l’articolo ti sia piaciuto e abbia soddisfatto le tue aspettative. A Passione Astronomia lavoriamo come abbiamo sempre fatto: cercando di spiegare le cose come stanno e raccontare le storie più interessanti, cercando di coinvolgere e informare le persone perché queste siano più consapevoli. Cercando di fare informazione e di lavorare contro la propaganda vuota o ingannevole di chi non crede nell’autorevolezza della scienza. Questo lavoro non finisce qui. Anzi, servirà ancora di più, negli anni a venire e servirà farlo con l’aiuto di tutte e di tutti. Puoi abbonarti a Passione Astronomia e contribuire da protagonista a questo progetto. Abbonati!