Questa immagine di Hubble presenta una regione di formazione stellare nota come IRAS 16562-3959, che si trova a circa 5.900 anni luce dalla Terra nella costellazione dello Scorpione

Le osservazioni della Wide Field Camera 3 di Hubble compongono l’immagine di seguito. L’altissima qualità delle sfumature dei colori è il risultato di quattro filtri separati che riescono a catturare una varietà di lunghezze d’onda molto specifiche della luce ad ogni osservazione. Questo è utile perché alcune lunghezze d’onda della luce possono darci informazioni dettagliate della composizione, della temperatura e della densità della regione.

Hubble
Questa immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA rappresenta una regione di formazione stellare nota come IRAS16562-3959. Credit: ESA/Hubble e NASA, R. Fedriani, J. Tan

Dettagli dell’immagine

Al centro dell’immagine, IRAS 16562-3959 ospita probabilmente una stella massiccia – circa 30 volte la massa del nostro Sole – che è ancora in fase di formazione. Le zone d’ombra appaiono scure perché c’è così tanta polvere da bloccare le lunghezze d’onda della luce nel vicino infrarosso osservate da Hubble. Tuttavia, la luce nel vicino infrarosso fuoriesce principalmente da due lati – in alto a sinistra e in basso a destra – dove il potente getto della protostella ha spazzato via la polvere. Immagini a più lunghezze d’onda come questa di Hubble ci aiutano a comprendere meglio come si formano le stelle più massicce e luminose della nostra galassia. Con oltre 1,5 milioni di osservazioni e 20.000+ articoli pubblicati sulle sue scoperte, Hubble è la missione scientifica più produttiva nella storia della NASA. In orbita a 525 km sopra la superficie terrestre, Hubble evita gli effetti distorsivi della nostra atmosfera, consentendo una chiara visione del cosmo. Le capacità di Hubble sono cresciute immensamente nei suoi oltre 30 anni di attività. Questo perché nuovi strumenti scientifici all’avanguardia sono stati aggiunti al telescopio nel corso di cinque missioni di manutenzione degli astronauti. Sostituendo e aggiornando le parti obsolete, queste missioni di manutenzione hanno notevolmente prolungato la durata del telescopio.

Fonte