Dopo 389 giorni si conclude con successo la più grande spedizione di ricerca, MOSAiC, sull’Artico di tutti i tempi con una terribile conclusione

Dopo più di un anno nell’Artico centrale, lunedì 12 ottobre, la nave di ricerca rompighiaccio Polarstern è tornata al suo porto di origine a Bremerhaven. L’evento ha segnato la fine di una spedizione da record: mai prima d’ora un rompighiaccio era stato vicino al Polo Nord in inverno, e mai prima d’ora i ricercatori internazionali hanno potuto raccogliere in modo completo i dati necessari nella regione del mondo più colpita dai cambiamenti climatici. 

Abbiamo visto come sta morendo il ghiaccio artico. In estate, anche il Polo Nord, è caratterizzato da estesi scioglimenti ed erosione. Se non compiamo sforzi immediati e radicali per combattere il riscaldamento climatico, presto vedremo estati artiche prive di ghiaccio, che avranno ripercussioni incalcolabili sul nostro tempo e clima. Anche se oggi l’Artico centrale rimane un affascinante paesaggio ghiacciato in inverno, il ghiaccio è solo la metà dello spessore di 40 anni fa e le temperature invernali che abbiamo incontrato erano quasi sempre dieci gradi più calde di quelle che Fridtjof Nansen ha sperimentato durante il suo pionieristico Spedizione artica oltre 125 anni fa” ha detto il Prof Markus Rex, Expedition Leader e capo del progetto MOSAiC.

Polarstern
La Polarstern. Credit: Alfred-Wegener-Institut / Steffen Graupner

La missione MOSAiC

Il 20 settembre 2019 la Polarstern è partita dal porto norvegese di Tromsø, diretto nell’Artico centrale, epicentro del cambiamento climatico. Una volta lì, la nave si è stata lasciata intrappolata nel ghiaccio e iniziando una deriva della durata di un anno attraverso il Polo Nord, completamente in balia delle forze naturali (la rotta e la velocità erano determinate esclusivamente dalla deriva del ghiaccio, alimentata da vento e correnti). Durante le cinque tappe della spedizione hanno preso parte in totale 442 ricercatori, membri dell’equipaggio della Polarstern, giovani investigatori, insegnanti e membri della stampa. Sono state coinvolte sette navi, diversi velivoli e più di 80 istituzioni di 20 paesi. 

Ghiaccio
I modelli brunastri sul ghiaccio mostrano l’abbondanza di ghiaia.
Credit: Alfred-Wegener-Institut / Lisa Grosfeld

Obiettivo comune

I ricercatori, provenienti da 37 paesi, avevano un obiettivo comune: indagare le complesse interazioni nel sistema climatico tra l’atmosfera, il ghiaccio e l’oceano, così come la vita nell’Artico centrale, in modo da rappresentarli al meglio nei modelli climatici. Ora sono tornati a casa con un tesoro di dati senza precedenti, che un’intera generazione di ricercatori sul clima analizzerà Nonostante tutti gli ostacoli, la spedizione MOSAiC ha raggiunto il suo obiettivo: monitorare l’epicentro del cambiamento climatico in modo più preciso che mai. E’ un enorme passo in avanti nella nostra comprensione del sistema climatico della Terra e di come sta cambiando.  “Questo set di dati senza precedenti è un dono per tutta l’umanità. Ora è nostra responsabilità utilizzare le nuove conoscenze raccolte per fare le scelte giuste, per il futuro dell’Artico e, con esso, il futuro del nostro pianeta ” afferma il Prof. Antje Boetius, Direttore dell’Istituto Alfred Wegener, Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina (AWI).

Polarstern
La Polarstern arriva a Bremerhaven.
Credit: Alfred-Wegener-Institut / Joachim Hofmann

Durante il tragitto verso nord, sono rimasto particolarmente colpito nel vedere quanti tratti di mare aperto e quindi ghiaccio facilmente navigabile abbiamo incontrato, anche in prossimità del Polo Nord. Non siamo rimasti bloccati una sola volta e siamo stati in grado di seguire una rotta verso il nord della Groenlandia che normalmente dovrebbe essere evitata, poiché l’area è nota per il suo enorme ghiaccio marino praticamente impenetrabile. Nonostante le serie sfide poste dal rifornimento in mare e non in porto, tutti i trasferimenti sono andati straordinariamente bene“, afferma Thomas Wunderlich, Capitano, Laeisz Shipping Company.

Il ghiaccio marino artico non è solo una parte importante del sistema climatico globale; è anche un ecosistema unico e la base della vita per molte società indigene. Ed è un regno di affascinante e ineguagliabile bellezza. Dovremmo fare tutto ciò che è in nostro potere per preservarlo per le generazioni future” conclude il Prof Markus Rex.

Riferimenti:

Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione