“Le temperature globali stanno ancora andando nella direzione sbagliata e più velocemente che mai.”

Solo lo scorso anno le attività umane hanno portato il nostro pianeta a un riscaldamento di 1,3 gradi Celsius. Se continuiamo a immettere nell’atmosfera gas serra che intrappolano il calore al ritmo attuale, gli scienziati dicono che avremo circa cinque anni prima di portare il riscaldamento globale oltre gli 1,5 gradi Celsius fissati dall’Accordo di Parigi. Ancora una volta, i risultati mostrano che il riscaldamento globale provocato dall’uomo continua a intrappolare il pianeta, anche se l’azione climatica ha in qualche modo rallentato l’aumento complessivo delle emissioni di gas serra. “Le temperature globali stanno ancora andando nella direzione sbagliata e più velocemente che mai”, ha detto Piers Forster, scienziato del clima presso l’Università di Leeds.

Advertisement
Banner Plus

Cosa dice l’ultimo rapporto sul clima

L’anno scorso, da giugno a dicembre, ogni mese ha stabilito un record del riscaldamento globale. Ad esempio, luglio 2023 è stato il luglio più caldo mai registrato dal 1800. Quelle temperature estreme hanno devastato molte regioni in tutto il mondo, riducendo il ghiaccio antartico ai minimi e innescando la peggiore stagione di incendi mai vista in Canada. Il caldo estremo è stato chiaramente causato dai gas che intrappolano il calore emessi quando le aziende bruciano combustibili fossili per generare energia.

Le cause del riscaldamento globale

Gli scienziati affermano che il riscaldamento globale dell’ultimo decennio è anche in parte un effetto collaterale della riduzione delle emissioni di zolfo da parte del settore della navigazione commerciale, che, dal 2020, ha modificato la composizione del carburante per limitare lo zolfo in conformità con le normative dell’Organizzazione marittima internazionale (IMO). Tali regolamenti miravano a ridurre l’inquinamento atmosferico causato dalle navi. Potrebbe sembrare positivo, ma non sotto tutti gli aspetti. È noto che lo zolfo ha un effetto rinfrescante sul pianeta, riflettendo la luce solare nello spazio. Pertanto, l’eliminazione accelerata dello zolfo nel carburante marittimo a partire dal 2020 ha significato che nell’atmosfera erano presenti meno particelle di zolfo per riflettere i raggi del sole.

Fonte