Gli scienziati sono rimasti spiazzati dopo aver scoperto una coppia di buchi neri che letteralmente “singhiozza”. Ecco cosa c’è da sapere.

Gli astronomi hanno individuato il primo esempio di “singhiozzo” di un buco nero. Questi veri e propri “rutti cosmici” suggeriscono che i dischi di materia e gas che circondano i buchi neri potrebbero ospitare oggetti più grandi di quanto si pensasse in precedenza. Il mostruoso buco nero, che pesa l’equivalente di circa 50 milioni di soli e vive nel cuore di una galassia a 800 milioni di anni luce dalla Terra, espelle gas nello spazio una volta ogni 8,5 giorni, prima di calmarsi di nuovo. Questi “singhiozzi” provengono dal disco di accrescimento del buco nero, un anello di gas surriscaldato che turbina attorno all’oggetto.

Cosa dice il nuovo studio

Credit: MIT

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, suggerisce che questo materiale venga eruttato grazie a un secondo buco nero più piccolo che si muove dentro e fuori un’orbita inclinata, sollevando gas come un’ape che vola velocemente ronzando attraverso una nuvola di polline.

Cosa pensano gli scienziati

Questi singhiozzi “sono stati una sorpresa totale”, ha detto l’autore principale dello studio, Dheeraj Pasham. “Abbiamo continuato a grattarci la testa per mesi finché i teorici della Repubblica Ceca non sono arrivati ​​e hanno fornito una spiegazione di un buco nero secondario, che sembrerebbe spiegare tutte le proprietà di questo sistema.” I risultati suggeriscono che i dischi di accrescimento attorno ai buchi neri potrebbero ospitare una sorprendente serie di oggetti cosmici, inclusi altri buchi neri o stelle. “Pensavamo di sapere tutto sui buchi neri. Se il nostro modello è corretto, allora questi fenomeni possono svelare un’intera popolazione di sistemi binari così estremi”.

Fonte