Grazie alla sonificazione possiamo letteralmente ascoltare la voce dei pianeti: partiamo dal più grande con anche immagini mozzafiato, Giove!

Ecco a voi un video incredibile: simula il movimento di Giove e della luna Io. Chiaramente vi starete domandando come fa il suono a propagarsi nel vuoto. Allora partendo da registrazioni di segnali elettromagnetici emessi in questo caso da Giove, grazie alle elaborazioni, si arriva a trasformarli in un segnale audio udibile andando a ridurne anche la frequenza per ‘ascoltarlo’.

Advertisement
Banner Plus

Qualche info sul pianeta

Giove è il più grande tra gli otto pianeti del sistema solare. Ha una massa che è circa 2 volte la massa di tutti gli altri pianeti messi insieme. E’ un gigante gassoso: è formato principalmente da Idrogeno ed Elio con un nucleo probabilmente roccioso costituito in prevalenza da carbonio e silicati. L’atmosfera gioviana ha molti fenomeni attivi: bande instabili, tempeste (causate da moti convettivi dell’aria umida nella sua atmosfera), cicloni, anticicloni e fulmini. Possiede 79 satelliti naturali dei quali ricordiamo i 4 galileiani come i più importanti: Io, Europa, Callisto e Ganimede. Possiede anche un sistema di anelli scoperti nel 1979 dalla sonda Voyager 1 dopo quelli di Saturno e di Urano: sono costituiti principalmente di polveri, presumibilmente di silicati. Giove e Saturno li potremmo definire tranquillamente i guardiani della Terra: infatti grazie alla loro azione combinata, buona parte degli asteroidi viene espulso dal Sistema Solare, dando tranquillità alla nostra Terra. Inoltre il campo gravitazionale di Giove fa da freno nel caso dei corpi che penetrano nel sistema solare interno: questo ha permesso ad asteroidi e comete di rilasciare acqua e composti utili allo sviluppo della vita, fondamentale soprattutto in epoche passate.

Fonte: NASA

Se il lavoro che stiamo facendo ti sembrerà utile, per te e per tutti, potrai anche decidere di esserne partecipe e di abbonarti a Passione Astronomia. Possiamo prometterti che con il tuo aiuto ci saranno sempre più contenuti per seguire e capire meglio l’universo.