Qual è la “cosa” più grande che possiamo trovare nell’universo? E’ una mega-struttura formata da galassie: la Grande Muraglia di Ercole

L’universo è vastissimo, vi possiamo trovare miliardi di componenti microscopiche, ma anche la “cosa” più grande mai osservata dell’uomo. Si tratta della Grande Muraglia di Ercole-Corona Borealis, un’immensa struttura di galassie. Questa mega-struttura è stata scoperta nel Novembre 2013, grazie ai dati della missione Swift Gamma Ray Burst e del Telescopio spaziale per raggi gamma Fermi. La Grande Muraglia di Ercole misura oltre 10 miliardi di anni-luce. Era dal 1991 che non si osservava un oggetto così vasto. Questa immensa struttura è la prima di queste dimensioni a non essere un ammasso di quasar. Per fare un confronto la nostra Via Lattea misura solo 100.000 anni luce. La distanza dalla Via Lattea alla Galassia di Andromeda misura solo 2,5 milioni di anni luce. L’Huge-LQG (l’Enorme Grande Gruppo Quasar), la precedente “cosa” più grande dell’universo, è lunga 4 miliardi di anni luce.

Ammasso di galassie Universo
Un mosaico del massiccio ammasso di galassie MACS J0717.5 3745 generato combinando 18 immagini del telescopio spaziale Hubble. La quantità significativa di materia oscura in questo settore dell’universo, mostrata in azzurro, può essere simile alla Grande Muraglia di Ercole. Credit: NASA, ESA, Harald Ebeling (University of Hawaii at Manoa) & Jean-Paul Kneib (LAM)

Caratteristiche della Grande Muraglia di Ercole

La struttura è un filamento di galassie, o un enorme gruppo di galassie legato dalla gravità. Possiamo osservare questa mega-struttura nel cielo in direzione della costellazione di Ercole e della Corona Boreale. I lampi gamma hanno avuto una parte importante nella scoperta di questa mega-struttura. L’ampia concentrazioni di quest’ultimi nell’area dove si trova questo ammasso di galassie, è stato l’indizio decisivo per gli astronomi per concentrare le ricerche in quel punto dell’universo. Nella nostra Via Lattea la registrazione di lampi gamma è bassissima, uno ogni milione di anni. L’universo è talmente vasto che ancora ci sono miliardi di oggetti da osservare, chissà che tra qualche centinaio di anni. si scoprirà una nuova galassia ancora più grande di quest’ultima. Solo il tempo e gli studi ancora più approfonditi di questa nuova mega-struttura ci aiuteranno a carpirne i segreti ed a svelare altri misteri che ci riserva la nostra Galassia.

Riferimenti:

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it