Secondo una nuova ricerca, alcuni pennacchi di vapore acqueo eruttati nello spazio da Europa potrebbero provenire dall’interno della stessa crosta ghiacciata. Cercare vita diventa sempre più interessante

Secondo una nuova ricerca, pennacchi di vapore acqueo eruttati nello spazio dalla luna Europa di Giove potrebbero provenire dall’interno della stessa crosta ghiacciata. Un modello delinea un processo per la salamoia, o acqua arricchita di sale, che si muove all’interno del guscio della luna e alla fine forma sacche d’acqua, ancora più concentrate con il sale, che potrebbero eruttare. Gli scienziati hanno considerato i possibili pennacchi su Europa un modo promettente per indagare sull’abitabilità della luna ghiacciata di Giove, soprattutto perché offrono l’opportunità di essere campionati direttamente da veicoli spaziali che li attraversano. Le informazioni sull’attività e la composizione del guscio di ghiaccio che copre l’oceano interno globale di Europa possono aiutare a determinare se l’oceano contiene gli ingredienti necessari per sostenere la vita.

Europa
Questa illustrazione della gelida luna Europa di Giove raffigura un’eruzione crio-vulcanica in cui la salamoia dall’interno del guscio ghiacciato potrebbe esplodere nello spazio.
Credit: Justice Wainwright

Uno scenario aggiuntivo

Questo nuovo lavoro offre uno scenario aggiuntivo: propone che alcuni pennacchi possano provenire da sacche d’acqua incorporate nel guscio ghiacciato piuttosto che dall’acqua spinta verso l’alto dall’oceano sottostante. La fonte dei pennacchi è importante: l’acqua proveniente dalla crosta ghiacciata è considerata meno ospitale per la vita rispetto all’oceano interno globale perché probabilmente manca l’energia, ingrediente necessario per la vita. Nell’oceano d’Europa, quell’energia potrebbe provenire da prese d’aria idrotermali sul fondo del mare. Utilizzando le immagini raccolte dalla sonda Galileo della NASA, i ricercatori hanno sviluppato un modello per proporre come una combinazione di congelamento e pressurizzazione possa portare a un’eruzione crio-vulcanica o un’esplosione di acqua gelida

Europa
Europa. NASA/JPL-Caltech/SETI Institute

Il cratere Manannán

I ricercatori hanno concentrato le loro analisi su Manannán, un cratere di 29 chilometri su Europa, risultato di un impatto con un altro oggetto celeste decine di milioni di anni fa. Ragionando che una tale collisione avrebbe generato un calore tremendo, hanno modellato il modo in cui il ghiaccio sciolto e il successivo congelamento della sacca d’acqua all’interno del guscio ghiacciato avrebbero potuto pressurizzarlo e causare l’eruzione dell’acqua. Il modello indica che, poiché l’acqua di Europa si è parzialmente congelata in ghiaccio in seguito all’impatto, potrebbero essersi create sacche d’acqua rimanenti sulla superficie della luna. Queste sacche di acqua salata possono spostarsi lateralmente attraverso il guscio di ghiaccio di Europa sciogliendo regioni adiacenti di ghiaccio e di conseguenza diventare ancora più salate nel processo.

Una forza motrice salata

Il modello propone che quando una sacca di salamoia spostandosi raggiunge il centro del cratere Manannán, si blocca ed inizia a congelarsi, generando una pressione che alla fine provoca un pennacchio, stimato essere alto oltre 1,6 chilometri. L’eruzione di questo pennacchio lascia un segno distintivo: una caratteristica a forma di ragno sulla superficie di Europa, osservata dalle immagini di Galileo e incorporata nel modello dei ricercatori. Le dimensioni relativamente piccole del pennacchio che si formerebbe a Manannán indicano che i crateri da impatto probabilmente non possono spiegare la fonte di altri pennacchi più grandi su Europa che sono stati ipotizzati sulla base dei dati di Galileo e del telescopio spaziale Hubble. Ma il processo modellato per l’eruzione di Manannán potrebbe avvenire su altri corpi ghiacciati, anche senza un evento di impatto.

Rappresentazione artistica dei pennacchi. Credit: NASA
Europa Clipper

Missioni come Europa Clipper aiutano l’astrobiologia, la ricerca interdisciplinare sulle variabili e le condizioni di mondi lontani che potrebbero ospitare la vita come la conosciamo. Sebbene Europa Clipper non sia una missione di rilevamento della vita, condurrà una ricognizione dettagliata di Europa e indagherà se la luna ghiacciata, con il suo oceano sotterraneo, ha la capacità di supportare la vita. Comprendere l’abitabilità di Europa aiuterà gli scienziati a capire meglio come si è sviluppata la vita sulla Terra e il potenziale per trovare vita oltre il nostro pianeta.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione