Nel gennaio 1986, la Voyager 2 della NASA diventò la prima, e finora l’unica, sonda spaziale ad esplorare Urano, la penultima tappa del suo viaggio attraverso il sistema solare esterno

Inizialmente progettato per volare su Giove e solo Saturno, la Voyager 2 approfittò di un raro allineamento planetario che si verifica una volta ogni 175 anni per completare due ulteriori incontri nel sistema solare esterno. La Voyager 2 incontrò Urano nel 1986 e Nettuno nel 1989.

La Voyager 2 trasportava una suite di 11 strumenti, tra cui: 

  • un sistema di imaging scientifico composto da fotocamere ad angolo stretto e grandangolare per fotografare il pianeta e i suoi satelliti;
  • un sistema radio per determinare le proprietà fisiche del pianeta;
  • uno spettrometro interferometrico a infrarossi per studiare il bilancio energetico locale e globale e la composizione atmosferica;
  • uno spettrometro ultravioletto per misurare le proprietà atmosferiche;
  • un magnetometro per analizzare il campo magnetico del pianeta e l’interazione con il vento solare;
  • uno spettrometro al plasma per studiare le proprietà microscopiche degli ioni del plasma;
  • un dispositivo a particelle cariche a bassa energia per misurare flussi e distribuzioni di ioni;
  • un sistema di rilevamento dei raggi cosmici per determinare l’origine e il comportamento della radiazione cosmica;
  • un’indagine di radioastronomia planetaria per studiare le emissioni radio da Giove;
  • un fotopolarimetro per misurare la composizione della superficie del pianeta;
  • un sistema di onde al plasma per studiare la magnetosfera del pianeta.
Urano
Urano e le sue lune. Credit: NASA

L’avvicinamento

Al momento dell’incontro con la Voyager, Urano aveva cinque lune conosciute e una serie di anelli scuri osservati per la prima volta l’anno in cui la navicella lasciò la Terra. Gli astronomi avevano chiamato le lune, in ordine di distanza dal pianeta, Miranda, Ariel, Umbriel, Titania e Oberon. A causa della grande distanza di Urano dal Sole, gli ingegneri apportarono modifiche alle tecniche di imaging della Voyager per adattarsi ai livelli di luce solo il 25% di quelli che erano durante l’incontro con Saturno. La Voyager 2 iniziò ad osservare Urano il 4 novembre 1985, creando una serie di video in time-lapse del pianeta e dei suoi dintorni. A causa dell’inclinazione assiale di Urano di quasi 98 gradi rispetto al suo piano orbitale (il pianeta è fondamentalmente sdraiato su un lato), la Voyager 2 completò le sue osservazioni ravvicinate in poche ore, rispetto a diversi giorni per i sorvoli di Giove e Saturno. Il 30 dicembre, la Voyager 2 scoprì una luna nuova, chiamata Puck, in orbita più vicina a Urano di Miranda.

Anelli
Immagine degli anelli di Urano, retroilluminati dal Sole. Credit: NASA

Il 24 gennaio 1986, circa 11 ore prima del suo massimo avvicinamento, la Voyager 2 entrò nella magnetosfera del pianeta. Gli strumenti della sonda rivelarono che il dipolo del campo magnetico di Urano era inclinato di 59 gradi rispetto al suo asse di rotazione e spostato dal centro del pianeta di circa un terzo del raggio, a differenza di qualsiasi campo magnetico planetario osservato in precedenza. Mentre la Voyager 2 continuava ad avvicinarsi a Urano, riprese i grandi satelliti del pianeta, passando a sole 28.968,192 chilometri da Miranda. La sonda effettuò il massimo avvicinamento (81.593,741 chilometri) sopra le cime delle nubi uraniane, passando dietro il pianeta in modo che i suoi segnali radio potessero fornire informazioni sulla sua atmosfera superiore

Urano
La complessità del campo magnetico di Urano, causata dalla forte inclinazione dei suoi poli magnetici rispetto all’asse di rotazione. Credit: Mungany

Informazioni incredibili

Mentre si allontanava da Urano, la Voyager restituì immagini del pianeta e dei suoi anelli retroilluminati dal Sole, concludendo la fase di incontro il 25 febbraio 1986. In tutto, la sonda restituì più di 7.000 fotografie, rivelando 11 nuove lune e due nuovi anelli in orbita attorno al pianeta, e una ricchezza di informazioni che gli scienziati continuano ad analizzare. 

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it