Un team di ricercatori ha scoperto un gigantesco flusso di stelle tra galassie. È il più grande mai rilevato fino ad oggi.

Le prime osservazioni erano state effettuate con il “piccolo” telescopio da 70 centimetri dell’astronomo Michael Rich in California. Successivamente, i ricercatori hanno utilizzato il telescopio Herschel da 4,2 metri per osservare questo strano fenomeno. Dopo l’elaborazione delle immagini, hanno visto un lunghissimo flusso di stelle tra due galassie, più di dieci volte la lunghezza della nostra Via Lattea. Il flusso non sembra essere associato ad alcuna galassia in particolare. I ricercatori lo hanno chiamato Giant Coma Stream.

Cosa sappiamo di questo misterioso flusso stellare

Credit: Telescopio William Herschel/Roman et al.

La scoperta del Giant Coma Stream è notevole, perché si tratta di una struttura piuttosto fragile in un ambiente ostile di galassie che si attraggono e si respingono reciprocamente. Il coautore dello studio Reynier Peletier (Università di Groningen, Paesi Bassi) spiega: “Nel frattempo, siamo stati in grado di simulare questi enormi flussi al computer. Ci aspettiamo di trovarne di più” ha concluso. Non c’è dubbio che in vista di missioni future potremmo saperne di più su questo misterioso fenomeno astronomico.

Materia oscura

Con i futuri grandi telescopi i ricercatori sperano non solo di scoprire nuovi flussi giganti. Vogliono anche vedere più da vicino il Giant Coma Stream. “Ci piacerebbe osservare le singole stelle dentro e vicino al flusso e imparare di più sulla materia oscura”, ha detto Peletier. L’ ammasso della Chioma è uno degli ammassi di galassie più studiati. Contiene migliaia di galassie ad una distanza di circa 300 milioni di anni luce dalla Terra. Nel 1933 l’astronomo svizzero Fritz Zwicky dimostrò che le galassie dell’ammasso si muovono troppo velocemente se si tiene conto solo della quantità di materia visibile. Aveva capito che doveva esserci qualcos’altro in ballo a tenere insieme le cose, la materia oscura.

Riferimenti: Astronomie.nl