Il telescopio spaziale Hubble ha risolto un mistero portato alla luce nel 1951 dall’astrofisico Fritz Zwicky, lo scopritore della materia oscura negli ammassi di galassie.

Le stelle sono esseri molto “sociali”. Grazie alla gravità, infatti, si trovano spesso legate insieme in galassie o ammassi stellari che si muovono per l’universo. Esistono, però, anche stelle che rimangono gravitazionalmente svincolate dalle altre e vagano all’infinito nella vastità dello spazio. Sebbene la luce di queste stelle, nota come foschia spettrale di luce, sia stata scoperta per la prima volta nel 1951 da Fritz Zwicky, una nuova indagine nell’infrarosso del telescopio spaziale Hubble ha fatto luce (scusate il gioco di parole) su quel bagliore. Questa ricerca potrebbe aiutare gli scienziati a risolvere il mistero dell’origine di queste stelle “ribelli”.

hubble
Gli ammassi di galassie MOO J1014+0038 (a sinistra) e SPT-CL J2106-5844 (a destra). In blu la foschia spettrale di luce. Credit: NASA

L’indagine degli scienziati

Gli astronomi hanno studiato 10 ammassi di galassie (o galassie legate gravitazionalmente) a distanze fino a 10 miliardi di anni luce. Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che il rapporto fra questa foschia spettrale di luce e quella totale degli ammassi è costante. Questo risultato suggerisce che le stelle erranti sono vecchie (anche di alcuni miliardi di anni) e che probabilmente non sono state espulse di recente da ammassi galattici attraverso le cosiddette maree gravitazionali.

Se questo fenomeno fosse all’origine delle stelle “ribelli”, gli scienziati si sarebbero aspettati di vedere questa foschia di luce spettrale aumentare nel tempo rispetto alla luce totale emanata dagli ammassi galattici. Insomma, nei loro primi anni di formazione, le galassie potrebbero essere state piuttosto piccole e si ritiene che abbiano disperso molte stelle a causa di una presa gravitazionale più debole. Serviranno comunque ulteriori osservazioni con i telescopi per saperne di più su questo fenomeno.

Riferimenti: NASA

Nel suo piccolo, Passione Astronomia ti aiuta a capire come funziona l’universo. E l’universo funziona meglio se le persone che ne fanno parte sono bene informate: se hanno letto sciocchezze, bugie, veleni, poi va a finire come va a finire. Già ora non è che vada benissimo. Ecco perché è importante che qualcuno spieghi le cose bene. Passione Astronomia fa del suo meglio. Abbonati!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it