Uno strato di neve insolitamente profondo ricopre Encelado, la luna di Saturno, e gli scienziati hanno alcune ipotesi su come potrebbe essersi formato

Un team di ricercatori degli Stati Uniti ha recentemente misurato lo spessore dei cumuli di neve presenti su Encelado, la luna in orbita attorno a Saturno. Sebbene abbia un diametro di soli 500 chilometri Encelado è il gioiello scintillante della corona ghiacciata di Saturno. Non solo la luna è ricoperta da un guscio di ghiaccio altamente riflettente, ma ospita un oceano profondo e liquido di acqua salata che chiede solo di essere esplorato alla ricerca di segni di vita.

I calcoli basati sulle dimensioni di una serie di depressioni chiamate catene tettoniche suggeriscono che i depositi di particelle di ghiaccio che cadono dai geyser polari potrebbero essere profondi fino a 700 metri in alcuni punti, una quantità che le attuali eruzioni non possono spiegare.

La forza dei geyser di Encelado

Encelado
Struttura di Encelado. Credit: NASA/JPL

I risultati potrebbero significare che la luna ghiacciata ha avuto momenti molto più attivi nel suo passato, secondo un nuovo studio condotto dalla prima autrice e ricercatrice fisica Emily Martin del National Air and Space Museum.

Grazie a un regolare tiro alla fune tra Saturno e la più lontana luna Dione, il guscio ghiacciato di Encelado viene sollecitato dalle forze di marea, al punto che si formano crepe nelle regioni più sottili della crosta vicino al polo sud della luna. L’acqua liquida pressurizzata si fa strada in queste fessure, dove si espande e vaporizza, esplodendo in una bufera di particelle congelate.

Una parte di questa emissione ghiacciata arriva addirittura sino all’orbita attorno a Saturno, contribuendo alla formazione dei suoi gloriosi anelli. Le particelle più pesanti rimbalzano sulla superficie lunare, ammassandosi in cumuli di ciò che gli scienziati planetari hanno classificato come una forma di regolite.

Nel 2017, i ricercatori statunitensi hanno pubblicato immagini ad alta risoluzione della missione Cassini che descrivono in dettaglio quelle che sostenevano fossero formazioni geologiche chiamate “catene di pozzi” che punteggiano la superficie di Encelado. Su altri corpi planetari, inclusa la Terra, queste strutture simili a crateri possono formarsi quando il materiale superficiale sprofonda improvvisamente in un vuoto, come i canali di lava o i sistemi di grotte carsiche.

Escludendo una fonte di impatti e una serie di altre attività geologiche, gli scienziati planetari hanno concluso che le fosse circolari ed ellittiche – alcune larghe fino a un chilometro – si sono formate come fratture nella crosta sotto i cumuli di regolite estesi e allargati. La larghezza e la profondità delle fosse stesse possono inoltre dire ai ricercatori qualcosa sulle proprietà e sulla formazione della regolite che si sgretola in esse, inclusa un’approssimazione del suo spessore.

Una grande quantità di neve

Encelado visto da Cassini. Credit: NASA

Applicati ai crateri di Encelado, i calcoli hanno rivelato spessori di neve in media di circa 250 metri, con alcune punti che raggiungono i 700. Tenendo conto della velocità con cui i pennacchi di acqua ghiacciata dell’oceano potrebbero rilasciare una quantità adeguata di neve, Encelado avrebbe potuto depositare così tanta neve negli ultimi miliardi di anni se i cumuli fossero soffici e porosi.

Ma sebbene questa ipotesi non sia del tutto fuori discussione, è più probabile che la neve contenga un mix di densità e porosità differenti, spingendo i ricercatori a suggerire che il tasso di nevicate deve essere stato occasionalmente molto maggiore in passato.

Ciò significa che nella storia di Encelado i geyser potrebbero aver avuto delle eruzioni imponenti o forse vi erano dei pennacchi aggiuntivi che emettevano vapore acqueo. O addirittura entrambe le cose.

Sapere quanto sia spessa e soffice la neve della luna in alcuni punti importanti critici sarebbe inoltre vitale per il futuro atterraggio di una sonda sulla sua superficie. Nel frattempo, comprendere meglio come si è evoluta l’attività criovulcanica su Encelado può comunque offrire nuove informazioni su uno dei corpi più affascinanti del Sistema Solare.

Riferimenti: Science Alert

Se sei arrivato fin qui è perché hai ritenuto il nostro articolo degno di essere letto fino alla fine. Da sempre Passione Astronomia prova a costruire, attraverso la divulgazione scientifica, una comunità di persone più informate e consapevoli. È anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere un libro dedicato all’astronomia. È scritto in modo chiaro e semplice, proprio perché per noi la divulgazione deve essere accessibile a tutti. Lo trovi qui.

Grazie!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it