L’equipaggio dell’Expedition 63 sulla Stazione Spaziale Internazionale aveva cercato questa perdita da agosto e ha stabilito che era “oltre i livelli previsti”

Martedì 29 settembre, la Russian State Space Corporation (Roscosmos) ha annunciato che gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) avevano trovato la fonte di una sospetta perdita. L’equipaggio dell’Expedition 63, l’astronauta e comandante della NASA Chris Cassidy e i cosmonauti russi Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner, aveva cercato questa perdita da agosto e ha stabilito che era “oltre i livelli previsti”.

Roscosmos ha anche affermato in una dichiarazione “la perdita non è pericolosa per la vita e la salute dell’equipaggio della ISS e non impedisce alla ISS di continuare il volo con equipaggio“. Tuttavia, la quantità di atmosfera persa può richiedere il pompaggio di ossigeno aggiuntivo nella stazione.

ISS
La Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Credit: NASA

La perdita

La perdita è stata isolata nella notte di lunedì (28 settembre) grazie agli sforzi dell’equipaggio e alle analisi condotte dalle squadre di controllo della missione a terra. Hanno proceduto alla chiusura dei portelli di prua e di poppa e dei passaggi di Zvezda che si collegano ad altri moduli, quindi hanno utilizzato un rilevatore di perdite ad ultrasuoni per raccogliere i dati. Nel frattempo, specialisti statunitensi e russi hanno effettuato misurazioni della pressione per tutta la notte per cercare di isolare la fonte della perdita. Fatto ciò, l’equipaggio ha riaperto i portelli tra il segmento statunitense e quello russo e ha ripreso le normali attività.

La dimensione della perdita è stata da allora attribuita a un temporaneo cambiamento di temperatura a bordo della stazione, ma il tasso complessivo di perdita è apparentemente rimasto invariato. Sergei Krikalyov, il direttore esecutivo dei programmi spaziali con equipaggio della Russia, ha sottolineato che ci vorrà del tempo per trovarlo, ma che l’ISS ha sempre una leggera perdita d’aria a causa del sistema di purificazione dell’aria: “Queste perdite sono prevedibili. Quello che sta succedendo ora è più della normale perdita e, naturalmente, se dura a lungo, richiederà forniture di aria extra alla stazione. Abbiamo tempo. La perdita esiste ovviamente. Non va bene che sia lì, ma non è fondamentale. “

Zvezda
Schema del modulo di servizio russo Zvezda. Credit: Boeing

Secondo le ultimi analisi, la perdita, si trova nella camera di trasferimento, una delle quattro sezioni del modulo di servizio Zvezda. Hanno anche riaffermato che la “perdita non rappresenta un pericolo immediato per l’equipaggio con l’attuale tasso di perdita e si tradurrà solo in una leggera deviazione dal programma dell’equipaggio“. Questa non è la prima volta che gli astronauti a bordo della ISS hanno dovuto fare i conti con perdite alla stazione. Nell’agosto 2018, i membri dell’equipaggio della spedizione 56 hanno trovato un buco nel muro di una capsula spaziale Soyuz che aveva attraccato alla ISS.

Un nuovo cargo

Nel frattempo, la ISS ha ricevuto un cargo Cygnus senza equipaggio durante il fine settimana, lanciato dalla Wallops Flight Facility della NASA in Virginia. Questo carico include una nuova toilette spaziale, l’Universal Waste Management System (UWMS), e una serie di esperimenti scientifici.

Questi includono:

  • l’esperimento di elettroossidazione dell’ammoniaca , che può trasformare l’ammoniaca in acqua potabile ed elettricità; 
  • l’esperimento Plant Habitat-02 , che farà crescere i ravanelli a bordo della ISS; 
  • l’indagine Onco-Selectors , che testerà i trattamenti contro il cancro in condizioni di microgravità; 
  • una telecamera a 360 gradi che registrerà filmati per la VR ISS Experience della NASA ; 
  • l’esperimento Rhodium Space Rhizosphere che metterà alla prova come i diversi tipi di suolo si comportano in condizioni di microgravità.
Cygnus
Il Cygnus viene catturato dal braccio robotico Canadarm2 della ISS mentre orbita sopra il nord Africa. Credit: Ivan_MKS63/Twitter

L’equipaggio della ISS è anche in attesa del prossimo lancio degli astronauti Expedition 64 che li sostituiranno a bordo della stazione. Questo equipaggio sarà composto dai cosmonauti Sergey Ryzhikov (comandante) e Sergey Kud-Sverchkov (ingegnere di volo 2) e dall’astronauta della NASA Kate Rubins (ingegnere di volo 1). Tutti sono attualmente al Cosmodromo di Baikonur in Kazakistan e si stanno preparando per il lancio mercoledì 14 ottobre.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione