C’entra la teoria della tettonica delle placche e il percorso che va dall’Africa all’Italia. Ecco la mappa che lo dimostra.

La Pianura Padana è africana, ecco perché ci sono rischi per il territorio italiano: no, non è l’incipit di una “bufala”, ma il risultato di uno studio condotto sulla tettonica delle placche fra l’Africa e l’Europa.

Cosa c’entra la Pianura Padana con l’Africa

La mappa qui sopra mostra che il Mediterraneo si trova tra due placche continentali, la placca eurasiatica e quella africana. L’Etna (Sicilia) si trova in una zona dove la placca africana più densa viene subdotta sotto la placca eurasiatica più leggera, formando una zona di subduzione. L’aumento della pressione, causato dalla spinta verso il basso della placca eurasiatica, può innescare anche forti terremoti in Sicilia, come il terremoto del 1908 che uccise più di 100.000 persone.

E mentre la placca eurasiatica continua a scendere, si scioglie mentre rientra nel mantello, formando magma. Questo magma, essendo più leggero del mantello circostante, sale in superficie per formare vulcani. Questo è il motivo principale per cui l’Etna erutta di frequente.

Dal punto di vista geologico, quindi, la Pianura Padana poggia sul lembo più settentrionale della placca Africana. Anche il terremoto in Emilia del 2012 è una testimonianza di questo fenomeno: è avvenuto esattamente lungo il confine fra le due placche ed è dovuto al progressivo sprofondamento della placca Africana sotto quella Euroasiatica.

Riferimenti: teleskola.mt

Nel suo piccolo, Passione Astronomia ti aiuta a capire come funziona l’universo. E l’universo funziona meglio se le persone che ne fanno parte sono bene informate: se hanno letto sciocchezze, bugie, veleni, poi va a finire come va a finire. Già ora non è che vada benissimo. Ecco perché è importante che qualcuno spieghi le cose bene. Passione Astronomia fa del suo meglio. Abbonati!