Dall’inizio del monitoraggio sistematico delle calotte glaciali, la Groenlandia e l’Antartide hanno perso 6,4 trilioni di tonnellate di ghiaccio tra il 1992 e il 2017, spingendo il livello del mare a salire di 17,8 millimetri

Un recente rapporto conferma che le calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide, i cui tassi di perdita di massa sono in rapido aumento, coincidono con gli scenari peggiori di innalzamento del livello del mare del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici . Lo studio, pubblicato su Nature Climate Change, confronta i risultati del bilancio di massa della calotta glaciale (differenza tra la massa glaciale accumulata, ad esempio a seguito di precipitazioni nevose, e la massa glaciale perduta, ad esempio attraverso lo scioglimento o la disgregazione del ghiacciaio, nel corso di un anno) dalle osservazioni satellitari con le proiezioni dei modelli climatici. I risultati provengono da un team internazionale di scienziati dell’Università di Leeds (Regno Unito) e dell’Istituto meteorologico danese (DMI), che fanno anche parte dell’esercizio di intercomparazione del bilancio di massa dello strato di ghiaccio (IMBIE) in corso.

Groenlandia
Un recente rapporto conferma che le calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide, i cui tassi di scioglimento sono in rapido aumento, stanno corrispondendo agli scenari di riscaldamento climatico peggiori del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici. Credit: ESA

Il monitoraggio

Dall’inizio del monitoraggio sistematico delle calotte glaciali all’inizio degli anni ’90, la Groenlandia e l’Antartide hanno perso 6,4 trilioni di tonnellate di ghiaccio tra il 1992 e il 2017, spingendo il livello del mare a salire di 17,8 millimetri. Se questi tassi continueranno, si prevede che le calotte glaciali aumenteranno il livello del mare di ulteriori 17 cm, esponendo altri 16 milioni di persone a inondazioni costiere annuali entro la fine del secolo.

Tom Slater, autore principale dello studio e ricercatore sul clima presso il Center for Polar Observation and Modeling presso l’Università di Leeds, commenta: “I satelliti sono il nostro unico mezzo per monitorare regolarmente queste aree vaste e remote, quindi sono assolutamente fondamentali nel fornire misurazioni che possiamo utilizzare per convalidare i modelli della calotta glaciale. Le osservazioni satellitari non solo ci dicono quanto ghiaccio si sta perdendo, ma ci aiutano anche a identificare e capire quali parti dell’Antartide e della Groenlandia stanno perdendo ghiaccio e attraverso quali processi – entrambi sono fondamentali per aiutarci a migliorare i modelli di calotta glaciale“.

IMBIE
Cambiamento di massa cumulativo e contributi a livello del mare dall’Antartico, dalla Groenlandia e dalle calotte glaciali antartiche e groenlandesi combinate. Credit: IMBIE

IMBIE, the Ice Sheet Mass Balance Inter-comparison Exercise

IMBIE è una collaborazione internazionale tra scienziati, fondata nel 2011 come sforzo della comunità per ridurre le incertezze in diverse misurazioni satellitari del bilancio di massa della calotta glaciale, ed è cofinanziato da ESA e NASA. IMBIE utilizza i dati di varie missioni satellitari, comprese le missioni ERS-1, ERS-2, Envisat e CryoSat dell’ESA, nonché la missione Copernicus Sentinel-1 dell’UE, per monitorare i cambiamenti nel volume, flusso e massa della calotta glaciale. IMBIE è supportato dal programma EO Science for Society dell’ESA e dalla Climate Change Initiative dell’ESA , che genera dataset di dati satellitari accurati ea lungo termine per 21 variabili climatiche essenziali, per caratterizzare l’evoluzione del sistema Terra.

Artico

Ruth Mottram, co-autrice dello studio e Climate Scientist, aggiunge: “I dati delle missioni satellitari dell’ESA hanno sostenuto molti progressi nella nostra comprensione del comportamento della calotta glaciale negli ultimi tre decenni. La famiglia di altimetri radar satellitari dell’ESA: ERS-1, ERS-2, Envisat e CryoSat hanno fornito una registrazione continua a lungo termine dei cambiamenti della calotta glaciale dall’inizio degli anni ’90“.

Marcus Engdahl dell’ESA aggiunge: “Le osservazioni satellitari ci stanno dimostrando che le calotte glaciali stanno reagendo in modo sorprendentemente rapido ai cambiamenti ambientali. È fondamentale che gli scienziati abbiano accesso ai dati delle future missioni satellitari in grado di osservare le aree polari, ad esempio, le prossime missioni candidate Copernicus ad alta priorità CRISTAL, ROSE-L e CIMR“.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione