Nuovo record di fulmini estremi o “megaflash” individuati nel corso del 2019 e resi pubblici ora. Parliamo di oltre 700 km di estensione e 16,73 secondi di durata

Fulmini da record sono stati confermati giovedì scorso dall’Organizzazione meteorologica mondiale. Si sono verificati in Sud America e sono i nuovi record mondiali. Questi eventi vengono chiamati “megaflash”. In particolare il record di durata appartiene ad un megaflsh nel nord dell’Argentina il 4 marzo 2019, durando ben 16,73 secondi. Invece per estensione ne è stato registrato uno di oltre 700 chilometri nel sud del Brasile il 31 ottobre dello scorso anno. Equivale alla distanza tra Boston e Washington DC o tra Londra e Basilea.

Il precedente record di distanza di un “megaflash” era di 321 km registrato il 20 giugno 2007, nello stato americano dell’Oklahoma, e il precedente record di durata era di 7,74 secondi dell’agosto 2012 nel sud della Francia.

Fulmine
Fulmine colpisce il monumento a Washington. Credit: Kevin Ambrose

Ripresi dallo spazio

I fenomeni sono stati registrati da apparecchiature trasportate sui satelliti ambientali geostazionari in orbita. Sono stati descritti dal professor Randall Cerveny, capo relatore di Weather and Climate Extremes per WMO, come “straordinari“.

È probabile che esistano fenomeni ancora più estremi e saremo in grado di osservarli con il miglioramento della tecnologia di rilevamento dei fulmini“.

Il professor Cerveny ha affermato che la tecnologia potrebbe aiutare gli scienziati a comprendere meglio l’intera scienza dei fulmini e potenzialmente salvare vite umane: “Ciò fornirà preziose informazioni per stabilire limiti alla scala dei fulmini, compresi i megaflash, per problemi di ingegneria, sicurezza e scienza“.

Una mappa in cui si sono verificati i due record di megaflash

I pericoli

L’OMM ha ribadito i pericoli dei fulmini e le numerose morti dovute proprio a questi eventi meteorologici. Precedenti fenomeni estremi hanno portato a gravi perdite di vite umane: nel 1975, ad esempio, 21 persone nello Zimbabwe sono state uccise quando un singolo fulmine ha colpito la capanna in cui si stavano rifugiando e 469 persone sono state uccise a Dronka, in Egitto, nel 1994, quando un fulmine ha tragicamente colpito una serie di serbatoi di petrolio.

Riferimeniti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione