La missione OSIRIS-REx cercherà di riportare a terra un campione dell’asteroide Bennu

L’ambiziosa missione della NASA, OSIRIS-REx, cerca risposte alle domande che l’umanità si pone da sempre: da dove veniamo? Qual è il nostro destino? Gli asteroidi, residui del processo di formazione del sistema solare, possono rispondere a queste domande e insegnarci la storia del nostro sistema solare.

L’asteroide Bennu – credit: NASA

La sonda OSIRIS-REx sta per incontrare Bennu, un asteroide carbonioso la cui regolite potrebbe rivelare la storia più antica del sistema solare. Bennu può contenere gli antenati molecolari dell’origine della vita e dell’acqua che abbiamo sulla Terra. Bennu è uno degli asteroidi considerati potenzialmente pericolosi, poiché ha una probabilità relativamente alta di impatto sulla Terra alla fine del 22 ° secolo.

OSIRIS-REx studierà le proprietà fisiche e chimiche di Bennu. Gli asteroidi come Bennu contengono risorse naturali come acqua, sostanze organiche e metalli preziosi. In un remoto futuro, questi asteroidi potrebbero alimentare l’esplorazione del sistema solare con veicoli spaziali robotici e con equipaggio.

Ricostruzione in 3D fatta dall’altimetro laser della sonda.

OBIETTIVI DELLA MISSIONE

I principali obiettivi scientifici di OSIRIS-REx sono:

  • Raccogliere e analizzare un campione della superficie di Bennu, e inviarne una parte a Terra.
  • Mappare l’asteroide
  • Misurare la deviazione dell’orbita causata da forze non gravitazionali (effetto Yarkovsky)
  • Confrontare le osservazioni sull’asteroide con le osservazioni terrestri

La materia organica che si spera possa essere raccolta dalla sonda può contenere carbonio, abbinato da sempre alla presenza della vita come la conosciamo oggi.

Gli scienziati pianificano esperimenti dettagliati su queste molecole organiche e si aspettano che il campione restituito aiuti a rispondere a complesse domande sulle origini dell’acqua e della vita sulla Terra.

“L’abbondanza di materiale contenente carbonio è un importante trionfo scientifico per la missione. Siamo ora ottimisti sul fatto che raccoglieremo e restituiremo un campione con materiale organico, un obiettivo centrale della missione OSIRIS-REx “.

Dante Lauretta, ricercatore principale di OSIRIS-REx presso l’Università dell’Arizona a Tucson.
La configurazione degli strumenti della sonda, in primo piano il braccio che raccoglierá i campioni.

Ma cosa significa la parola OSIRIS-REx?

È un acronimo, ecco cosa vuol dire:

O – Origini

  • Restituisci e analizza un campione di un asteroide ricco di carbonio incontaminato per studiare la natura, la storia e la distribuzione dei suoi minerali e materiale organico.

SI – Interpretazione spettrale

  • Definisci le proprietà globali di un primitivo asteroide ricco di carbonio per consentire il confronto diretto con i dati telescopici terrestri esistenti per tutti gli asteroidi.

RI – Identificazione delle risorse

  • Mappare le proprietà globali, la chimica e la mineralogia di un asteroide ricco di carbonio primitivo per definire la sua storia geologica e dinamica e fornire un contesto per il campione restituito.

S – Sicurezza

  • Misura l’effetto Yarkovsky su Bennu e scopri quali proprietà degli asteroidi contribuiscono a questo effetto.
    L’effetto Yarkovsky è la forza causata dall’emissione di calore da un asteroide rotante che può cambiare la sua orbita nel tempo.

REx – Regolith Explorer

  • Documentare la consistenza, la morfologia, la geochimica e le proprietà spettrali della regolite (materiale di superficie) nel sito di campionamento.

Cronologia di missione

OSIRIS-REx è stato lanciato da Cape Canaveral, in Florida , su un razzo Atlas V 411 l’8 settembre 2016.

Il lancio.

Settembre 2017, OSIRIS-REx utilizza il campo gravitazionale terrestre per assisterlo nel suo viaggio verso Bennu.

Il momento del distacco della sonda dal razzo Atlas V.

3 dicembre 2018 , OSIRIS-REx utilizza una serie di piccoli propulsori a razzo per sincronizzarsi alla velocità di Bennu e incontrarsi con l’asteroide.

Crediti: NASA / Lockheed Martin

La sonda fará una indagine dettagliata di Bennu per almeno due mesi dopo il quasi rendez-vous con l’asteroide. Dopo aver scelto il punto di raccolta, la sonda toccherà brevemente la superficie di Bennu per recuperare un campione. Il braccio robotico entrerà in contatto con la superficie di Bennu per circa cinque secondi, durante i quali “sparerà” una scarica di azoto gassoso. La procedura farà smuovere e catturare rocce, ma anche materiale polveroso di superficie, che saranno raccolti da un apposito campionatore. La sonda ha abbastanza azoto per consentire tre tentativi di campionamento, per raccogliere tra 60 e 2000 grammi di materiale.

La capsula che conterrá il materiale raccolto.

Tutto questo succederá il giorno 20 di ottobre 2020.

Dopo la mappatura di Bennu e altri esperimenti, nel marzo 2021, si aprirà la finestra per lasciare finalmente l’asteroide, e OSIRIS-REx inizierà il suo viaggio di ritorno sulla Terra, arrivando due anni e mezzo dopo nel settembre 2023.

La capsula con i campioni raccolti si separerà dal veicolo spaziale e effettuerà il rientro nell’atmosfera. Verrà inviata allo Utah Test and Training Range.

Vista ravvicinata dell’asteroide

Per due anni il team scientifico catalogherà il campione e condurrà le analisi necessarie a raggiungere gli obiettivi della missione.

La NASA conserverà almeno il 75% del campione presso il Johnson Space Flight Center della NASA a Houston per ulteriori ricerche da parte di scienziati di tutto il mondo.

Per Aspera ad Astra

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione