La scoperta è stata possibile grazie al rover cinese Zhurong che ha individuato queste strutture, mai viste prima sepolte, a 35 metri di profondità su Marte

Il rover cinese Zhurong era dotato di un sistema radar che penetra nel terreno, permettendogli di scrutare sotto la superficie di Marte. I ricercatori hanno annunciato nuovi risultati dalle scansioni del sito di atterraggio di Zhurong a Utopia Planitia su Marte, affermando di aver identificato cunei poligonali irregolari situati a una profondità di circa 35 metri lungo tutto il percorso effettuato dal rover. Gli oggetti misurano da centimetri a decine di metri di diametro. Gli scienziati ritengono che i poligoni sepolti siano il risultato di cicli di gelo-disgelo su Marte miliardi di anni fa, ma potrebbero anche essere vulcanici, derivanti dal raffreddamento di flussi di lava.

L’esplorazione di Marte dal rover Zhurong

Marte
Il rover cinese Zhurong su Marte. Credit: CNSA

Il rover Zhurong è atterrato su Marte il 15 maggio 2021, rendendo la Cina il secondo paese ad aver mai fatto atterrare con successo un rover su Marte. I rover, che prende il nome da un dio cinese del fuoco, ha esplorato il suo sito di atterraggio, ha inviato foto, tra cui un selfie con il suo lander, scattato da una telecamera remota, ha studiato la topografia di Marte e ha condotto misurazioni con il suo georadar (GPR). ) strumento. Zhurong ha avuto una durata della missione primaria di tre mesi terrestri, ma ha operato con successo per poco più di un anno terrestre prima di entrare in un letargo programmato. Tuttavia, del rover non si hanno più notizie dal maggio 2022. I ricercatori dell’Istituto di Geologia e Geofisica dell’Accademia Cinese delle Scienze che hanno lavorato con i dati di Zhurong hanno affermato che il GPR fornisce un importante complemento alle esplorazioni radar orbitali di missioni come Mars Express dell’ESA e l’orbiter cinese Tianwen-1. 

Utopia Planitia

Utopia Planitia su Marte
Utopia Planitia su Marte. Credit: ESA/DLR/FU Berlin, CC BY-SA 3.0 IGO

Utopia Planitia è una grande pianura all’interno di Utopia, il più grande bacino d’impatto riconosciuto su Marte (anche nel sistema solare) con un diametro stimato di 3.300 km. In totale, il rover ha percorso 1.921 metri durante la sua esplorazione. I ricercatori hanno scritto nel loro articolo pubblicato su Nature Astronomy, che il radar del rover ha rilevato sedici cunei poligonali entro circa 1,2 chilometri di distanza, il che suggerisce un’ampia distribuzione di terreno simile sotto Utopia Planitia. Queste caratteristiche rilevate si formarono probabilmente 3,7-2,9 miliardi di anni fa su Marte, “probabilmente con la sparizione di un antico ambiente umido. Il terreno paleo-poligonale, con o senza erosione, fu successivamente sepolto” da successivi processi geologici. Sebbene il terreno di tipo poligonale sia stato visto in diverse aree di Marte in molte missioni precedenti, questa è la prima volta che ci sono indicazioni di caratteristiche poligonali sepolte.

Caratteristiche del suolo di Marte

Marte
Credit: NASA

Il terreno poligonale sepolto richiede un ambiente freddo che potrebbe essere correlato ai processi di congelamento-scioglimento dell’acqua/ghiaccio nell’Utopia Planitia meridionale. Precedenti ricerche basate sui dati radar di Zhurong indicavano che più inondazioni durante lo stesso periodo di tempo avevano creato diversi strati sotto la superficie della regione. In ogni caso, un enorme cambiamento nel clima di Marte è stato responsabile della formazione di queste strutture.

Fonte