WASP-189 b è un gioviano ultra caldo con una temperatura stimata di oltre 3200 °C. E’ stato studiato da Cheops, telescopio spaziale dell’ESA per la caratterizzazione degli esopianeti

Lanciato nel dicembre 2019 , Cheops (CHaracterising ExOPlanets Satellite) è progettato per osservare le stelle vicine e scovare esopianeti. Misurando in modo estremamente preciso i cambiamenti nei livelli di luce proveniente da questi sistemi mentre i pianeti orbitano attorno alle loro stelle, Cheope può inizialmente classificare questi pianeti e aumentare la nostra comprensione su come si formano ed evolvono. La nuova scoperta riguarda un cosiddetto “gioviano ultra caldo” denominato WASP-189 b. I gioviani ultra caldi sono giganti gassosi che orbitano molto più vicini alle loro stelle e quindi hanno temperature estreme.

WASP-189b
Rappresentazione artistica dell’esopianeta WASP-189b. Credit: ESA

WASP-189 b

WASP-189 b si trova circa 20 volte più vicino alla sua stella di quanto non faccia la Terra al Sole, e completa un’orbita completa in soli 2,7 giorni. La sua stella ospite è più grande del Sole ed è 2000° C più calda. “Si sa che solo una manciata di pianeti esistono attorno a stelle così calde, e questo sistema è di gran lunga il più luminoso“, afferma Monika Lendl dell’Università di Ginevra, Svizzera, autrice principale del nuovo studio. “WASP-189b è anche il gioviano caldo più luminoso che possiamo osservare mentre passa davanti o dietro la sua stella, rendendo l’intero sistema davvero intrigante.

Monika ed i suoi colleghi hanno usato Cheope per osservare WASP-189 b mentre passava dietro la sua stella ospite: un’occultazione. “Poiché il pianeta è così luminoso, in realtà c’è un notevole calo nella luce che vediamo provenire dal sistema mentre scompare brevemente dalla vista“, spiega Monika. “Lo abbiamo utilizzato per misurare sia la luminosità che la sua temperatura arrivando al valore di 3200° C“. Questo rende WASP-189 b uno dei pianeti più caldi ed estremi, e completamente diverso da tutti i pianeti del Sistema Solare. A tali temperature, anche metalli come il ferro si sciolgono e si trasformano in gas, rendendo il pianeta chiaramente inabitabile.

WASP-189
Parametri del sistema planetario WASP-189. Credit: ESA

Successivamente, Cheops ha osservato WASP-189 b passare davanti alla sua stella, un transito. I transiti possono dirci molto sulle dimensioni, la forma e le caratteristiche orbitali di un pianeta. WASP-189 b è risultato essere più grande del previsto, quasi 1,6 volte il raggio di Giove. “Abbiamo anche visto che la stella stessa è interessante: non è perfettamente rotonda, ma è più grande all’equatore rispetto ai poli, il che la fa apparire più luminosa proprio ai poli “, dice Monika. “Sta girando così velocemente che viene tirata verso l’esterno al suo equatore! A questa asimmetria si aggiunge il fatto che l’orbita di WASP-189 b è inclinata; non viaggia intorno all’equatore, ma passa vicino ai poli della stella.

La formazione dei gioviani caldi

Vedere un’orbita così inclinata si aggiunge al mistero esistente di come si formano i gioviani caldi. Affinché un pianeta abbia un’orbita così inclinata, deve essersi formato più lontano e poi essere stato spinto verso l’interno. Si pensa che ciò accada quando più pianeti all’interno di un sistema si scontrano o quando ci sia un’influenza esterna (un’altra stella disturba il sistema, spingendo i giganti gassosi verso la loro stella su orbite molto brevi altamente inclinate). “Poiché abbiamo misurato tale inclinazione con Cheops, questo suggerisce che WASP-189 b ha subito tali interazioni in passato“, aggiunge Monika.

Cheops
Rappresentazione artistica di Cheops. Credit: ESA

Monika e colleghi hanno utilizzato le osservazioni altamente precise e le capacità ottiche di Cheops per rivelare i segreti di WASP-189 b. Cheops ha aperto il suo “occhio” nel gennaio di quest’anno e ha iniziato le operazioni scientifiche di routine in aprile, e da allora ha lavorato per espandere la nostra comprensione degli esopianeti. “Questo primo risultato di Cheops è estremamente entusiasmante: è la prima prova definitiva che la missione è all’altezza delle sue promesse in termini di precisione e prestazioni“, afferma Kate Isaak, scienziata del progetto Cheops all’ESA.

Osservazioni future

Migliaia di esopianeti sono stati scoperti nell’ultimo quarto di secolo, e molti altri ne verranno individuati grazie anche alle future missioni spaziali. “Cheops ha un ruolo unico di” follow-up “da svolgere nello studio di tali esopianeti“, aggiunge Kate. “Misurerà più precisamente le dimensioni degli esopianeti già noti. Potremo effettuare una caratterizzazione delle loro atmosfere e determinare la presenza e le proprietà di eventuali nuvole“. Nei prossimi anni, Cheops seguirà centinaia di pianeti noti in orbita attorno a stelle luminose, costruendo ed estendendo ciò che è stato fatto qui per WASP-189b. La missione è la prima di una serie di tre missioni scientifiche dell’ESA incentrate sul rilevamento e la caratterizzazione di esopianeti.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione