Il 7 febbraio 2021 segna l’inizio dell’anno 36 su Marte. Scopriamo il perché di questa data

Su Marte non ci sono dichiarazioni dei redditi annuali, ma poiché il pianeta orbita anche attorno al nostro Sole, il tempo su Marte viene misurato in modo simile in anni. Tuttavia, ci sono alcune differenze significative tra un anno su Marte e un anno sulla Terra. Mentre ci avviciniamo al capodanno su Marte, diamo un’occhiata ad alcune somiglianze e differenze tra un anno sui due pianeti.

Marte
Un nuovo anno su Marte. Credit: ESA
  • Un anno su Marte equivale a 687 giorni terrestri. Ci vuole quasi il doppio del tempo della nostra Terra per orbitare attorno al Sole. Ciò significa che la vostra età sarebbe molto inferiore se viveste su Marte! Se volete sentirvi più giovani, dividete la vostra età attuale per 1,88: quella è sarà l’età … su Marte.
  • Un giorno marziano è definito, come sulla Terra, come il tempo impiegato dal pianeta per compiere una rivoluzione attorno al proprio asse. Questo si chiama sol. Un sol è solo leggermente più lungo di un giorno terrestre: 24 ore e 39 minuti.
  • Marte ha quattro stagioni: inverno, primavera, estate e autunno. Sono definite dalla posizione del pianeta lungo la sua orbita attorno al Sole. Il capodanno marziano inizia con l’equinozio verso nord (primavera settentrionale, autunno meridionale). Mentre Marte percorre la sua traiettoria annuale, l’inclinazione assiale del pianeta fa sì che l’emisfero settentrionale riceva più luce solare durante l’estate settentrionale e l’emisfero meridionale riceva più luce solare nell’inverno settentrionale, proprio come sulla Terra. A differenza delle stagioni terrestri, tuttavia, le stagioni su Marte non hanno la stessa durata. Questo perché l’orbita del Pianeta Rosso attorno al Sole è più ellittica di quella della Terra. Ad esempio, la primavera dell’emisfero settentrionale (autunno dell’emisfero australe) dura la più lunga, 194 sol, e l’autunno dell’emisfero settentrionale (primavera dell’emisfero meridionale) è la stagione più breve con 142 sol. 
  • L’orbita ellittica di Marte può avere conseguenze importanti. Durante la primavera e l’estate meridionali, il pianeta oscilla vicino al Sole sempre più vicino. Il conseguente aumento della luminosità riscalda l’atmosfera, facendo sì che la turbolenza sollevi particelle molto fini dal suolo marziano. Per questo motivo, la seconda metà di un anno marziano è spesso caratterizzata da violente tempeste di sabbia che a volte possono estendersi a tutto il pianeta.
  • Come sulla Terra, gli inverni sono freddi e le estati sono calde su Marte, ma la temperatura complessiva del pianeta è molto più fresca, ha una temperatura media annuale di meno 60 gradi Celsius. Il pianeta sperimenta diversi fenomeni meteorologici durante le stagioni. Un fenomeno meteorologico che riappare ogni anno intorno alla primavera e all’estate meridionali è la “Arsia Mons Elongated Cloud“, una nuvola di cristalli di ghiaccio che può raggiungere i 1800 chilometri di lunghezza. Si ripete per almeno 80 sol e poi scompare di nuovo durante il resto dell’anno.
  • Il calendario marziano è iniziato abbastanza recentemente rispetto a quello sulla Terra. Il conteggio è iniziato nell’anno terrestre 1955. Questo primo anno marziano ha coinciso con una tempesta di sabbia molto grande nella sua seconda metà, giustamente chiamata “la grande tempesta di sabbia del 1956”. 

Il 7 febbraio 2021 segna l’inizio dell’anno 36 su Marte. Se state cercando un motivo per festeggiare, ecco un felice anno nuovo Marte

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it