C’entra il paradosso di Fermi: perché, se l’universo è così grande, non abbiamo ancora trovato nessuno? La Teoria della Foresta Oscura suggerisce che dovremmo pregare di non trovarli mai, gli alieni. Ecco il motivo.

Nella Via Lattea ci sono 200 miliardi di stelle e forse 100 miliardi di pianeti. Se anche solo una piccola frazione di quei pianeti ospitasse la vita o anche se solo una piccola percentuale di quei pianeti avesse forme di vita intelligenti, la nostra galassia brulicherebbe di civiltà extraterrestri, alcune delle quali magari ci stanno cercando come noi cerchiamo loro. Il numero di civiltà che la nostra galassia dovrebbe contenere può essere calcolato con un’equazione, l’equazione di Drake: si scopre che, in teoria, potrebbero esserci almeno 20 civiltà nel nostro angolo cosmico. Ma allora, dove sono tutti?

Come abbiamo sempre immaginato una civiltà aliena. Credit: unsplash

Nascondersi per paura di essere eliminati

Fra le soluzioni al paradosso di Fermi, ce n’è una davvero terrificante. La Teoria della Foresta Oscura dice che non abbiamo ancora trovato gli alieni perché starebbero intenzionalmente tacendo. In altre parole, quasi tutte le civiltà sarebbero portate a nascondersi poiché se rivelassero la loro presenza correrebbero il rischio di essere spazzate via.

L’universo è come un’enorme foresta e ogni civiltà è un cacciatore armato che si aggira tra gli alberi come un fantasma. Ma il cacciatore deve stare attento, perché ovunque, nella foresta, ci sono altri cacciatori che si muovono furtivi come lui. Se trova un’altra forma di vita – un altro cacciatore, un angelo o un demone, un bambino o un vecchio barcollante, una fata o un semidio – c’è solo una cosa che può fare: aprire il fuoco ed eliminarli.

Ma quanto è plausibile una teoria del genere? Basterebbe una sola civiltà a comportarsi in questo modo per realizzare una situazione del genere. Spiegherebbe anche perché non abbiamo ancora captato segnali radio alieni nonostante le ricerche fatte nell’ultimo secolo. Una possibile ragione è che altre civiltà abbiano così paura di essere scoperte da evitare di proposito di inviare qualsiasi prova radiofonica della loro esistenza.

Riferimenti: Big Think

Se il lavoro che stiamo facendo ti sembrerà utile, per te e per tutti, potrai anche decidere di esserne partecipe e di abbonarti a Passione Astronomia. Non possiamo prometterti di scoprire cosa c’era prima del Big Bang. Ma possiamo prometterti che con il tuo aiuto ci saranno gli articoli di Passione Astronomia per seguire e capire meglio l’universo.

Chissà che un paese più informato non sia un paese migliore.

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it