Una serie di nuove immagini della Nebulosa di Orione mostrano come la regione sia plasmata da stelle che nascono e muoiono al suo interno.

Una nuova immagine che combina dati precedentemente rilasciati da tre telescopi mostra una regione che include la Nebulosa di Orione, dal nome del potente cacciatore della mitologia greca che fu abbattuto dalla puntura di uno scorpione. Ma la storia di come è nata questa regione polverosa è altrettanto drammatica.

La Nebulosa di Orione si trova nella costellazione omonima, che ha l’aspetto di un cacciatore che solleva una mazza e uno scudo. Le tre stelle in linea sono conosciute come la cintura di Orione e la regione mostrata nell’immagine si allinea con un’altra serie di stelle perpendicolari alla cintura, nota come spada di Orione. Se si potesse vedere nel cielo, la regione avrebbe le dimensioni della luna piena.

Oltre il velo di polveri

La Nebulosa di Orione ripresa nell’infrarosso. Credits: ESA/NASA/JPL-Caltech

Le due enormi caverne che dominano la nuvola sono state scavate da stelle giganti (non visibili in questa immagine) che possono rilasciare fino a un milione di volte più luce del nostro Sole. Tutta quella radiazione spezza i granelli di polvere presenti contribuendo a creare la coppia di cavità.

Gran parte della polvere rimanente viene spazzata via dai venti delle stelle o quando le stelle muoiono di morte esplosiva come supernove.

La luce blu in queste aree indica polvere calda. Osservate alla luce infrarossa – una gamma di lunghezze d’onda al di fuori di ciò che l’occhio umano riesce a rilevare. Le immagini sono state riprese dal telescopio spaziale Spitzer della NASA e dal WISE (Wide-Field Infrared Survey Explorer), che ora opera sotto il soprannome di NEOWISE.

Intorno al bordo delle due regioni cavernose, la polvere che appare verde è leggermente più fredda. Il rosso indica polvere fredda che raggiunge temperature di -260° C. La luce rossa e verde mostra i dati dell’ormai ritirato Herschel Space Telescope, un osservatorio dell’ESA (Agenzia spaziale europea) che ha catturato lunghezze d’onda della luce nelle gamme del lontano infrarosso e delle microonde, dove si irradia la polvere fredda.

Ripresa video di un flyby all’interno della Nebulosa di Orione. Credit: NASA/JPL-Caltech

Il grande specchio di Herschel ha fornito immagini ad alta risoluzione di queste nuvole, che sono piene di contorni, angoli e fessure. La polvere fredda appare per lo più alla periferia della nube di polvere, lontano dalle regioni in cui si formano le stelle.

Tra le due regioni cave ci sono filamenti arancioni dove la polvere si condensa e forma nuove stelle. Nel tempo, questi filamenti potrebbero produrre nuove stelle giganti che rimodellerebbero ancora una volta tutta la regione.

Riferimenti: ESA

Se sei arrivato fin qui è perché hai ritenuto il nostro articolo degno di essere letto fino alla fine. Da sempre Passione Astronomia prova a costruire, attraverso la divulgazione scientifica, una comunità di persone più informate e consapevoli. È anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere un libro dedicato all’astronomia. È scritto in modo chiaro e semplice, proprio perché per noi la divulgazione deve essere accessibile a tutti. Lo trovi qui.

Grazie!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it