Diversi quotidiani italiani hanno abboccato al fotomontaggio spacciato per un selfie di Samantha Cristoforetti nello spazio. Ecco come stanno le cose.

Una foto che risale addirittura al 2012, quella che da questa mattina sta facendo il giro del web. Alcune testate italiane come Il Mattino, Leggo, La Gazzetta del Sud e Il Gazzettino l’hanno rilanciata: il selfie nello spazio non è di Samantha Cristoforetti, ma si tratta di una vecchia foto dell’astronauta giapponese Aki Hoshide. Tra l’altro diversi dettagli dell’immagine ritoccata fanno pensare che si tratti effettivamente di un falso.

Questa è la foto del 2012:

La foto scattata dall’astronauta giapponese Aki Hoshide. Credit: NASA

Quest’altra, invece, è quella modificata che sta girando in queste ore, spacciata per un selfie di Samantha Cristoforetti:

Il rendering che prende spunto dalla foto del 2012.

Perché il fotomontaggio del selfie nello spazio è sbagliato

Tra l’altro, se analizziamo bene il fotomontaggio, le luci dietro all’astronauta sono sbagliate. Il casco è illuminato a giorno, ma la Terra, dietro, è vista di notte. E cos’è quello strano oggetto bianco squadrato che si vede riflesso nella visiera? In più, l’astronauta in questione indossa una tuta spaziale americana e come ben sappiamo, Samantha Cristoforetti ha passeggiato nello spazio con una tuta russa, lo scorso 21 luglio. L’inquadratura della Terra, infine, è davvero troppo ampia per essere stata presa dall’orbita della Stazione Spaziale Internazionale, a un’altitudine di 400km.

Insomma, si tratta dell’ennesima fake news che circola in rete, che a quanto pare molti autorevoli siti italiani hanno preso per vera. Raccomandiamo ai nostri utenti di verificare sempre le fonti, prima di condividere un determinato contenuto sui social. Qui un vero selfie spaziale realizzato dall’astronauta italiano Luca Parmitano nel 2013.

Riferimenti: NASA

Se il lavoro che stiamo facendo ti sembrerà utile, per te e per tutti, potrai anche decidere di esserne partecipe e di abbonarti a Passione Astronomia. Non possiamo prometterti di scoprire cosa c’era prima del Big Bang. Ma possiamo prometterti che con il tuo aiuto ci saranno gli articoli di Passione Astronomia per seguire e capire meglio l’universo.

Chissà che un paese più informato non sia un paese migliore.

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it