Durante una passeggiata con il suo padrone, a gennaio 2020, Pimpa ritrovò un pezzo di meteorite a Cavezzo, in provincia di Modena. Ora le è stato intitolato un asteroide.

Era il 4 gennaio del 2020, pochi mesi prima che la nostra vita cambiasse a causa della pandemia. A Capodanno c’erano già stati diversi avvistamenti di un bolide che aveva attraversato i cieli del Nord Italia, ma mai ci si sarebbe aspettati di ritrovarne un pezzo in Emilia-Romagna. Un fossile del sistema solare venuto giù dalla cintura di asteroidi fra Marte e Giove e che si è depositato sull’argine del Secchia, un affluente del Po che si trova in provincia di Modena. Ebbene, durante una passeggiata con il suo cane Pimpa, Davide Gaddi (un ragazzo di Cavezzo) si è accorto che la cagnolina aveva fiutato qualcosa di molto strano. Quando ha preso in mano il misterioso oggetto, si è accorto di questo pezzo di pietra scura e levigata che luccicava. Dopo averla messa in tasca chiama un’amica che gli dà l’indirizzo email del Prisma (rete italiana per l’osservazione di meteore) per segnalare la cosa.

Pimpa, la cagnolina che ha trovato i frammenti di meteorite. Credit: Davide Gaddi

A Pimpa dedicato un asteroide

Anche il dipartimento di Fisica di Bologna stava cercando frammenti di meteorite. Ma Pimpa e il suo padrone erano nel posto giusto. Poco dopo il primo ritrovamento, infatti, il cane fiuta un secondo frammento, molto più grosso. Senza pensarci due volte il ragazzo mette entrambi i frammenti in una bustina: sì, di quelle per le feci dei cani. Quando Romano Serra del dipartimento di Bologna lo trova, sorride e si fa consegnare il sacchetto. Quei due frammenti appartengono proprio al bolide che si era manifestato pochi giorni prima nei cieli di mezza Italia.

A distanza di tre anni, il gruppo di lavoro che si occupa della denominazione dei corpi minori dell’Unione Astronomica Internazionale ha deciso di dedicare a Pimpa un asteroide. In particolare si tratta dell’asteroide 2002 NF6 (112339) e scoperto da Fabrizio Bernardi nel 2002 da Campo Imperatore, ai piedi del Gran Sasso. Il 16 gennaio l’asteroide è stato chiamato Pimpa con questo comunicato: “Pimpa (nata nel 2008) è la cagnolina che ha scoperto il meteorite di Cavezzo pochi giorni dopo la sua caduta nei pressi di Cavezzo, Italia, il 1° gennaio 2020. Il suo fiuto sensibile è stato in grado di trovare una meteorite fresca e anomala e il suo contributo è stato fondamentale per questa eccezionale scoperta. È uno dei pochi cani cacciatori di meteoriti della storia”.

Congratulazioni, Pimpa!

Nel suo piccolo, Passione Astronomia ti aiuta a capire come funziona l’universo. E l’universo funziona meglio se le persone che ne fanno parte sono bene informate: se hanno letto sciocchezze, bugie, veleni, poi va a finire come va a finire. Già ora non è che vada benissimo. Ecco perché è importante che qualcuno spieghi le cose bene. Passione Astronomia fa del suo meglio. Abbonati!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it