Il rientro del satellite ERS-2 dell’ESA sulla Terra è previsto per il 21 Febbraio 2024 ed è possibile seguirlo in diretta

Il satellite ERS-2 pesa circa 2294 kg. L’ESA ha affermato che il satellite inizierà a disgregarsi quando raggiungerà circa 80 chilometri dal suolo. La maggior parte dei frammenti brucerà completamente nell’atmosfera terrestre. Ma alcuni pezzi potrebbero raggiungere la superficie terrestre. Il rischio per gli esseri umani è minimo inferiore a 1 su 100 miliardi. Nel prossimo paragrafo troverete tutte le info su come seguire il rientro praticamente in tempo reale.

Satellite ERS 2
Rientro di satelliti (immagine di repertorio). Credit: ESA / NASA

La missione ERS-2

La missione ERS-2 si è conclusa nel 2011 quando l’ESA ha deciso di deorbitare il satellite e ridurre notevolmente il suo potenziale impatto a lungo termine sull’ambiente spaziale. Più a lungo un satellite inattivo rimane in orbita, maggiore è il rischio di collisione con altri satelliti o detriti spaziali. La deorbita ha ridotto il tempo trascorso da ERS-2 in orbita dopo la fine della sua missione da più di 100 anni a meno di 15. Si prevede ora che ERS-2 subisca il rientro atmosferico e inizi a disgregarsi il 21 febbraio 2024 intorno alle 20:24 ora italiana (margine di errore di 10 ore e attualmente è impossibile sapere il luogo). È possibile seguire in diretta l’orbita del satellite con, infine, il punto preciso di rientro: qui il live.

Fonte

Se sei arrivato fin qui è perché hai ritenuto il nostro articolo degno di essere letto fino alla fine. Da sempre Passione Astronomia prova a costruire, attraverso la divulgazione scientifica, una comunità di persone più informate e consapevoli. È anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere un libro dedicato all’astronomia. È scritto in modo chiaro e semplice, proprio perché per noi la divulgazione deve essere accessibile a tutti. Lo trovi qui.