5 giugno 2021, ecco il transito di Venere ‘sul Sole’ ripreso da SDO della NASA. Un video pazzesco ed unico: pensate che il prossimo avverrà nel 2117

Il 5 giugno 2012, il Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA ha ripreso un evento astronomico molto raro: il transito di Venere “sulla superficie del Sole”. Questo evento è durato circa 6 ore e si svolge a coppie a distanza di otto anni, che sono separate l’una dall’altra da 105 o 121 anni. L’ultimo transito, prime del 2021, è stato nel 2004 e il prossimo non avverrà prima del 2117. Ecco il video:

il video

Cos’è un transito?

Un transito è un’occultazione (parziale o totale) che avviene quando un oggetto si interpone tra un altro oggetto e l’osservatore (può accadere in molti modi diversi). Un esempio è quando la Luna si colloca tra la Terra e il Sole. La Luna sta “transitando” sul Sole: ecco che avviene un’eclissi solare (che come detto può essere parziale o totale). Ma la Luna non è l’unico oggetto che crea questi fenomeni. Possiamo anche osservare il pianeta Venere (o Mercurio) quando passa tra la Terra e il Sole durante la sua orbita. Ciò è chiamato transito di Venere. Ma la Terra, la Luna, Venere e Mercurio non sono gli unici corpi che generano questi fenomeni nel sistema solare. Tutto cambia a seconda della nostra posizione come osservatori. Spostandoci al di fuori della nostra casa, il ‘metodo del transito’ è fondamentale per la scoperta di esopianeti in orbita intorno ad altre stelle.

Esopianeti
Quando un pianeta ‘transita su una stella‘, il pianeta blocca parte della luce della stella. Possiamo misurare come la luce è cambiata per ottenere informazioni sul pianeta. Credit: Goddard Space Flight Center della NASA

Se l’orbita di un esopianeta è allineata correttamente, il pianeta passerà davanti alla stella intorno alla quale orbita. La ricerca dei transiti è uno dei modi in cui gli scienziati trovano gli esopianeti. Quando si verifica un transito, la luce della stella si attenua di una quantità molto piccola. Tale attenuazione può essere misurata. La quantità di luce bloccata dal pianeta ci dice quanto è grande il pianeta rispetto alla sua stella. La quantità di tempo tra ogni transito ci dà informazioni circa l’orbita del pianeta. Se c’è più di un esopianeta in orbita intorno alla stessa stella, possiamo distinguerli dai loro transiti. Ad esempio, gli scienziati hanno scoperto sette esopianeti attorno a una stella chiamata TRAPPIST-1. Tutti e sette sono stati trovati con questo metodo (ricordiamo che questa non è l’unica possibilità per scovare mondi lontani anni ed anni luce dalla Terra.

Immagine di copertina credit, NASA/Goddard Space Flight Center/SDO

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it