È stata rilasciata la prima mappa dettagliata della distribuzione dell’acqua nei pressi del Polo Sud della Luna! Dettagli, foto e video

Un nuovo studio che ha utilizzato i dati del telescopio stratosferico a infrarossi SOFIA, ora dismesso, ha messo insieme la prima mappa dettagliata e ampia della distribuzione dell’acqua sulla Luna. SOFIA era un progetto congiunto della NASA e dell’Agenzia spaziale tedesca al DLR. Con caratteristiche lunari chiare e identificabili contrassegnate dai dati sull’acqua, lo studio fornisce suggerimenti su come l’acqua potrebbe muoversi sulla superficie della Luna, in particolare vicino al suo Polo Sud, un’area importante per l’esplorazione spaziale con le missione Artemis.

La mappa

La nuova mappa copre circa un quarto del lato della superficie lunare rivolto verso la Terra al di sotto di 60 gradi di latitudine e si estende fino al Polo Sud. Data l’ampia regione coperta, i ricercatori hanno potuto facilmente identificare in che modo l’acqua si relaziona alle caratteristiche superficiali della Luna, evitando la luce solare e favorendo le zone fredde. Questa scoperta, insieme a due precedenti risultati SOFIA sulla quantità e la distribuzione dell’acqua sulla superficie illuminata dal Sole della Luna, è di una importanza fondamentale. L’acqua della Luna è presente nel suolo e potrebbe essere trovata come cristalli di ghiaccio o come molecole d’acqua legate chimicamente ad altri materiali. 

La mappa dell'acqua sulla Luna
La mappa dell’acqua sulla Luna (in blu la concentrazione maggiore).
Credit: Studio di visualizzazione scientifica del Goddard Space Flight Center della NASA/Ernie Wright

Invece di determinare la quantità assoluta di acqua nella regione, i ricercatori hanno confrontato i dati ottenuti attorno al Polo Sud con una regione di riferimento relativamente secca vicino all’equatore della Luna per vedere come cambia la sua abbondanza. L’acqua è stata trovata in concentrazioni maggiori sui lati in ombra di crateri e montagne, in modo simile al modo in cui gli sciatori sulla Terra sanno che i pendii che ricevono meno Sole diretto trattengono la neve più a lungo. Ciò suggerisce che la geografia locale della Luna gioca un ruolo importante nella quantità di acqua presente.

Ora resta da scoprire da dove provenga l’acqua sul nostro Satellite e senza dubbio le missioni Artemis che riporteranno l’uomo sulla Luna cercheranno di scoprire il mistero (le missioni atterranno anche nella zona del polo sud lunare). Non ci resta che goderci il futuro dell’esplorazione spaziale ma ormai è chiaro che la Luna contiene molta più acqua di quanto si credesse.

Fonte: NASA