Ad annunciare la morte di Piero Angela è stato il figlio Alberto con un breve messaggio pubblicato sui social. L’inventore di “Quark” aveva 93 anni.

In molti lo considerano come il più famoso e autorevole divulgatore scientifico italiano. Piero Angela non è stato solo il “professore” di tutti gli italiani, ma anche una figura molto amata e rispettata all’estero. Ad annunciarne la morte il figlio Alberto con una foto e un breve messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook: “Buon viaggio papà”. Piero Angela aveva 93 anni.

Piero Angela alla Rai durante la presentazione della nuova stagione di ‘Superquark+’, Roma, 5 Ottobre 2020. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il professore di tutti gli italiani

Giornalista, cronista, conduttore, divulgatore, Piero Angela era nato a Torino nel 1928. Aveva iniziato come cronista radiofonico in Rai, per poi diventare conduttore e inviato del telegiornale. Pochi, però, sanno che prima di diventare Piero Angela, aveva studiato al conservatorio poiché grande appassionato di pianoforte e jazz. Quando approdò in Rai, nei primi anni ’50, si iniziò ad occupare di politica estera: fece l’inviato in Yemen, Israele, ma anche Iraq e Vietnam. Fu lui il primo conduttore, nel 1976, dell’appena nato TG2.

Incrociò la strada della scienza alla fine degli anni ’60, quando seguì da vicino le missioni Apollo per portare l’uomo sulla Luna. Nella sua carriera ha scritto circa 40 libri (qui ci sono i più famosi) e ha condotto oltre 30 programmi tv. Il più conosciuto e famoso è ovviamente Quark: la prima puntata venne trasmessa nel 1981, seguita da oltre 9 milioni di persone. Non c’era niente del genere in Italia, fino a quel momento. Fu un successo immediato, che negli anni portò alla nascita di Superquark e dei tantissimi documentari in vhs e dvd che molti, come me, hanno avuto il piacere di guardare anche fra i banchi di scuola.

Perché Piero Angela era così: con la sua bontà, la sua passione, il suo modo di spiegare le cose nel modo più semplice e chiaro possibile ha trasmesso ad un’intera generazione la passione per la divulgazione scientifica. E noi di “Passione Astronomia” non smetteremo mai di ringraziarlo per tutto quello che ci ha dato in questi 93 anni. Qui potete leggere la sua ultima lettera, lasciata all’ufficio stampa Rai e pubblicata questa mattina su Facebook.

Grazie, Piero Angela!

Se il lavoro che stiamo facendo ti sembrerà utile, per te e per tutti, potrai anche decidere di esserne partecipe e di abbonarti a Passione Astronomia. Non possiamo prometterti di scoprire cosa c’era prima del Big Bang. Ma possiamo prometterti che con il tuo aiuto ci saranno gli articoli di Passione Astronomia per seguire e capire meglio l’universo.

Chissà che un paese più informato non sia un paese migliore.

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it