Alcune personalità nell’ambito tecnologico hanno fatto diverse domande ad un’ esperta umanista del settore. Ma non sono le domande che uno si aspetterebbe.

Dal giornale “the guardian” è uscito un articolo in cui una umanista, esperta nell’impatto tecnologico nel futuro, è stata contattata da diverse personalità per rispondere alle domande sull’impattto sociale che avrebbero avuto determinate tecnologie tutt’ora innovative. Sviluppo dei calcoli quantistici, criptovalute e realtà virtuali sono state le prime domande che le hanno posto. Il focus durante questa conferenza privata si è però focalizzato velocemente sul cambiamento climatico. Ma non con gli obiettivi che possiamo pensare.

cambiamento climatico tecnologie
Nuove tecnologie NASA. Credit: NASA

Anziché che studiare che impatto sociale ed ambientale avrebbero potuto avere le tecnologie future, queste personalità si sono concentrate sulle tecnologie sfruttabili per costruire dei bunker a prova di cambiamento climatico: luoghi sulla Terra (o su altri pianeti) più isolati dai cambiamenti sociali e ambientali, tecnologie per garantire cibo e aria pulita alle loro dimore, sistemi di sicurezza e controllo delle guardie. In sintesi: come sviluppare delle tecnologie che li permettano di arrivare al disastro imminente come i vincitori di un perverso gioco dell’oca.

Una riflessione

Secondo me è quindi opportuno fare qualche considerazione. La prima è che nessuno si deve aspettare che chi acquisisce potere economico si metta poi ad agire per un bene pubblico. Un’altra riflessione che si potrebbe fare è sulla tecnologia: Ci si deve sempre ricordare che lo sviluppo tecnologico è sempre un mezzo, mai un fine. Come può dare benessere, cosi è in grado anche di facilitare enormi danni collettivi.

Questa è una medaglia a due facce con qui l’uomo ha vissuto fin dall’antichità. L’ultima considerazione la possiamo avere dall’intervistata: le conseguenze del cambiamento climatico saranno inevitabili e nessuna tecnologia sarà in grado di isolarci totalmente. Si deve quindi lavorare sodo per lasciare alla collettività un mondo in cui vivere.

Se il lavoro che stiamo facendo ti sembrerà utile, per te e per tutti, potrai anche decidere di esserne partecipe e di abbonarti a Passione Astronomia. Non possiamo prometterti di scoprire cosa c’era prima del Big Bang. Ma possiamo prometterti che con il tuo aiuto ci saranno gli articoli di Passione Astronomia per seguire e capire meglio l’universo.

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it