Nubifragio a Milano: esondazione del fiume Seveso nel quartiere di Niguarda. Analizziamo l’accaduto anche cartograficamente

Nella notte tra il 14 ed il 15 maggio si è abbattuto un violento nubifragio a Milano. Il fiume Seveso è esondato nel quartiere Niguarda, ubicato nella settore settentrionale del comprensorio comunale della città meneghina. Come conseguenza si sono allagate le strade ed al contempo si è verificata una lunga l’interruzione di corrente elettrica.

L’idrografia del Seveso

L’alveo del Seveso, fiume a carattere torrentizio, lungo 52 chilometri, il cui corso si sviluppa interamente in Lombardia nelle province di Como, Monza e Brianza e Milano, a seguito di interventi antropici, come alcuni canali artificiali, risulta essere coperto in molti tratti. La tombatura è presente anche nel quartiere Niguarda ove si sono evidenziati danni importanti. Abitazioni e cantine allagate e paura tra la popolazione.

Vengono di seguito riportate come confronto:

  • L’area di interesse colpita dall’esondazione su foto aerea di Google Earth;
  • Lo stralcio della Carta del Rischio Idraulico e Idrogeologico (fonte “Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione dei Rischi”).

Come si evince dalla consultazione della Carta del Rischio Idraulico e Idrogeologico, il quartiere Niguarda ricade in un areale cartografato tra Rischio Idraulico “Elevato” e “Molto Elevato” proprio a causa della presenza del tombatura del Seveso e di alcuni punti di particolare criticità.

Cartografia Seveso
Cartografia del Seveso nel quartiere di Niguarda. Credit: Antonio D’Anna

I tratti dei corsi d’acqua tombati rappresentano sicuramente aree maggiormente esposte e debbono essere tenuti sotto controllo.

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui
Se vuoi sostenere il nostro lavoro puoi fare una donazione