C’entrerebbero i cambiamenti climatici, i cicli lunari e l’innalzamento del livello del mare. Le comunità costiere di tutto il mondo sono avvisate.

Secondo la NASA, una drammatica serie di inondazioni causerà danni enormi, entro il 2030. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Climate Change e in sostanza dice che queste inondazioni saranno più frequenti nel prossimo decennio, cioè quando un nuovo ciclo della Luna amplificherà l’innalzamento del livello dei mari causato dai cambiamenti climatici. Cerchiamo di capire meglio quello che accadrà, secondo gli scienziati.

La Luna
La Luna fotografata da Stefano Maraggi

Cosa c’entrano i cicli della Luna con le inondazioni previste nel 2030

Questa impennata improvvisa che riguarda le inondazioni è strettamente legata al ciclo di 18,6 anni della Luna. In questo momento, infatti, il nostro satellite è nella metà che amplifica le maree. Questo significa un aumento delle alte maree e una minor frequenza delle basse maree. Lungo la maggior parte delle coste degli Stati Uniti, l’attuale livello del mare è aumentato al punto che si sono superate regolarmente le soglie di inondazione. Ciò è dovuto al modo in cui l’oscillazione lunare influenza l’innalzamento dei mari. Non è la prima volta che si utilizza il termine “oscillazione”. Se ne era parlato per la prima volta nel 1728, solo che stavolta gli scienziati sono molto più preoccupati. D’altronde l’oscillazione lunare è la causa principale delle maree terrestri, ma il problema sta nel fatto che stavolta questo meccanismo si combinerà con i cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello dei mari.

Riferimenti:

Passione Astronomia consiglia...
  • Periodo di prova gratuito ad Amazon Kindle Unlimited grazie a Passione Astronomia clicca qui
  • Lo store astronomico clicca qui

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it