Uno studio dell’Università del Texas afferma che l’acqua liquida precedentemente rilevata sotto il polo sud coperto di ghiaccio di Marte è probabilmente solo un falso allarme

Un nuovo studio su Marte, dell’Università di Austin, in Texas, ha rilevato che l’acqua avvistata sotto il polo sud ghiacciato del pianeta rosso, è solo un miraggio polveroso. Nel 2018, gli scienziati hanno pensato che i riflessi luminosi che segnalava il radar, sotto la calotta polare di Marte, provenissero dall’acqua. Un recente studio, invece, ha completamente cambiato questa idea, infatti i riflessi corrispondono a quelli delle pianure vulcaniche che si trovano su tutta la superficie del pianeta rosso.

L’esperimento

Marte
Una mappa radar di Marte vista attraverso 1,6 km di ghiaccio. Lo scienziato planetario di UT Austin, Cyril Grima, ha costruito un modello al computer per coprire il pianeta rosso nel ghiaccio e ha osservato come ha cambiato i dati radar. Ciò ha fatto sì che le pianure vulcaniche (viste in rosso) riflettessero il radar in un modo che assomigliava all’acqua liquida. La scoperta sfida uno studio del 2018 che sembrava trovare acqua liquida sotto la calotta polare sud di Marte. Credit: Cyril Grima

In effetti questa spiegazione sarebbe la più plausibile, perché già al tempo della scoperta dell’acqua su Marte, c’erano molti dubbi, per le condizioni improbabili per mantenere l’acqua allo stato liquido, nel clima arido e freddo del polo di Marte. Cyril Grima, uno scienziato planetario presso l’Istituto di Geofisica dell’Università del Texas, ha aggiunto un’immaginaria calotta polare sull’intera superfice di Marte, facendo in modo di evidenziare la differenza tra quella presenta al polo sud. Il risultato ha portato ad avere gli stessi riflessi luminosi, ma su tutta la superfice, in corrispondenza di quasi tutte le pianure vulcaniche. Ancora non si è capito bene a cosa siano dovuti questi riflessi. Sulla Terra segnali simili vengono rilasciati dalla lava che lascia dietro di sé tracce che riflettono i radar in modo simile. Insomma, la speranza di trovare l’acqua liquida su Marte ancora non è del tutto scomparsa. Inoltre la presenza di ghiaccio sul pianeta rosso, lascia ben sperare gli scienziati che continueranno ad osservare il pianeta.

Credit immagine di copertina ESA/DLR/FU Berlin/Bill Dunford

Riferimenti

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it