La ricerca di esopianeti nei prossimi anni si sposterà attorno alle nane rosse che potrebbero avere più candidati terrestri di quanto si pensi.

Secondo alcune nuove simulazioni dei ricercatori del National Astronomical Observatory of Japan (NAOJ), la scoperta di esopianeti simile alla Terra potrebbe avvenire entro la fine del decennio. La ricerca di esopianeti è stata dominata sino ad oggi da quella che è comunemente nota come la “zona abitabile attorno a una stella. Nella scienza popolare, rappresenta la distanza che un pianeta deve essere dalla sua stella per non essere né troppo caldo né troppo freddo.

Molti dei 5.000 esopianeti confermati sono stati trovati proprio in questa zona. Tuttavia, è improbabile che alcuni siano veri analoghi della Terra, poiché vi è un altro componente cruciale per un’esopianeta terrestre che non ha nulla a che fare con la sua distanza dalla sua stella: deve avere la giusta quantità di acqua.

Il giusto equilibrio

L’analisi dello spettro dell’atmosfera di WASP-96 b catturato dal James Webb. Credits: credit: NASA, ESA, CSA, and STScI

Troppa acqua nell’atmosfera di un pianeta può portare a un effetto serra incontrollato in cui la temperatura sulla superficie diventa troppo calda, non importa quanto sia lontano il pianeta dalla sua stella madre. Vi sono anche “mondi d’acqua” dove non c’è terra di cui parlare, eliminando un’importante pietra miliare evolutiva sulla Terra. Dall’altra parte, i pianeti con poca acqua mancano di uno degli ingredienti critici della vita e potrebbero finire come Marte, avendo perso la maggior parte della sua acqua primordiale a causa del vento solare.

Finora, i modelli di formazione planetaria indicavano che la maggior parte dei pianeti si formava con troppa o troppo poca acqua. Ciò era particolarmente evidente intorno al tipo più comune di stelle nella galassia: le nane rosse.

Conosciute anche come “tipo M”, le nane rosse sono in genere più piccole del Sole e, quindi, più fresche. Costituiscono la maggior parte delle stelle della galassia e sono già stati trovati alcuni esopianeti che le circondano. Ma sono incappati nello stesso problema: i modelli di formazione planetaria fino ad ora hanno suggerito che è improbabile si possa formare un pianeta attorno a una di queste stelle con la giusta quantità di acqua per renderla simile alla Terra.

Un nuovo punto di vista

Rappresentazione artistica di un esopianeta nella Via Lattea. Credit: ESA/Science Office

La nuova ricerca di Masahiro Ikoma e dei suoi studenti al NAOJ ha creato nuovi modelli di formazione planetaria attorno alle nane rosse e ha scoperto che una piccola ma notevole percentuale di questi esopianeti conterrebbe livelli d’acqua che li renderebbero straordinariamente simili alla Terra. In breve, questi esopianeti potrebbero potenzialmente avere delle spiagge.

Certo, solo una piccola percentuale dei pianeti che si formano nella zona di abitabilità attorno alle nane rosse avrebbe questa quantità d’acqua, almeno secondo le nuove stime. Ma dato il vasto numero di potenziali esopianeti che si trovano tra queste stelle più comuni, molto probabilmente ve ne saranno centinaia.

Se queste stime sono corrette, i cacciatori di pianeti come TESS e il prossimo PLATO dovrebbero essere in grado di trovarne alcuni prima della fine del decennio. E una volta scoperti, il James Webb Telescope dovrebbe essere in grado di rilevare se hanno acqua nelle loro atmosfere.

Tutto ciò rappresenta una notizia ancora più positiva per la comunità degli esopianeti e potrebbe indicare l’imminente scoperta di una delle scoperte scientifiche più incredibili della storia dell’umanità: un altro pianeta simile al nostro.
A questo punto, potrebbe essere solo questione di tempo e, naturalmente, di buone osservazioni.

Riferimenti: Universe Today

Se sei arrivato fin qui è perché hai ritenuto il nostro articolo degno di essere letto fino alla fine. Da sempre Passione Astronomia prova a costruire, attraverso la divulgazione scientifica, una comunità di persone più informate e consapevoli. È anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere un libro dedicato all’astronomia. È scritto in modo chiaro e semplice, proprio perché per noi la divulgazione deve essere accessibile a tutti. Lo trovi qui.

Grazie!

Passione Astronomia partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it